Yahya Jammeh ancora contro i gay: “Il mondo è stupido per colpa dei gay”

Il presidente del Gambia, Yahya Jammeh, continua la sua lotta contro gli omosessuali e ora li accusa di rendere stupido il mondo

Il presidente del Gambia non vuole gay nel suo stato

L’omofobo presidente del Gambia, Yahya Jammeh, sempre pronto ad accusare il mondo LGBT di qualunque cosa, se n’è uscito con una delle sue perle di saggezza e ha affermato che “il mondo è sprofondato nella stupidità per colpa degli omosessuali”. Ha anche aggiunto che il mondo che conosciamo potrebbe collassare nel caso in cui i diritti umani delle persone LGBT continuassero a svilupparsi:

Lo dirò chiaramente: i gay sono stupidi e credono di poter fare in modo che l’omosessualità sia imposta in tutto il mondo.

E poi ha continuato:

I gay dicono che sono intollerante e che sono un oppressore sulla minoranza omosessuale del mio paese. Bene: tutti i libri religiosi condannano l’omosessualità, tutto quel che è sacro la condanna. Al contrario, un potere inventato dagli uomini – la democrazia, cioè – afferma che è un diritto. Questo va contro l’Onnipotente ed è per questo motivo che il malvagio potere degli omosessuali andrà all’inferno, sarà bruciato come si fa con l’immondizia.

Lo scorso anno Yahya Jammeh ha promulgato una legge che mette in carcere tutti i rei di omosessualità: appena approvata la legge, dodici persone sono state detenute per omosessualità. Per questa legge ha avuto una sanzione dagli Stati Uniti d'America.

Sempre Jammeh ha affermato che è possibile curare l’HIV con delle erbe, che i gay sono “persona che vanno contro la creazione di Dio”, “non umani” o ancora “parassiti”. Inoltre, all’ONU, ha asserito che “l’omosessualità è la maggior minaccia che deve affrontare l’essere umano.”

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: