Vittime di omofobia: l'omicidio di Roxanne Ellis e Michelle Abdill, 1995

Un duplice omicidio che nel dicembre del 1995 scosse l’America. Vittime dell’odio di Robert Acremant una coppia di lesbiche che gestivano un’agenzia immobiliare ed erano da tempo attiviste del movimento LGBT.

Un caso il loro che negli anni Novanta scosse in profondità tutta l’America. Giornali e televisioni diedero ampio risalto al loro omicidio avvenuto in Colorado il 4 dicembre del 1995 per mano di Robert Acremant. L’uomo, che da sempre nutriva un profondo odio per gay e lesbiche, sequestrò e poi uccise le due donne che da ben dodici anni vivevano insieme alla luce del sole. Due nomi celebri anche nella comunità LGBT della zona, visto che Roxanne Ellis e Michelle Abdill erano da tempo due infaticabili attiviste, impegnate a migliorare le cose nello stato del Colorado, dove risiedevano ed avevano dato vita anche ad una proficua agenzia immobiliare.

Fu del resto proprio la loro agenzia a fungere in qualche modo da esca. L’uomo infatti si finse un cliente interessato all’ acquisto di un appartamento. Un pretesto che gli consentì di rapire ed uccidere poi le due donne. Fu successivamente la madre dello stesso Acremant a denunciare il figlio alla polizia. Non voglio- disse la donna- che altri innocenti debbano pagare per la follia di mio figlio.

Durante le indagini a trecentosessanta gradi si scopri che l’uomo in passato aveva già ucciso. La vittima, un collega bisessuale che, sempre secondo Acremant, aveva tentato di sedurlo. L’omicida, dopo una condanna a morte, ha ottenuto nel 2011 la commutazione della pena in ergastolo.

Roxanne Ellis e Michelle Abdill

Via | Wikipedia

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail