"Cara Rosy", lettera aperta al ministro Bindi

Vi riportiamo una divertente (e intelligente) lettera aperta al ministro Rosy Bindi, firmata da Giovanni Campolo del collettivo Queerubino - LGBT/Q all'Università di Pisa.

Cara Rosy,

mi permetto di darti del tu perché so che mi consentirai di usare un tono colloquiale, anzi familiare.

Cara Rosi, m’è successa na disgrazia, na traggedia di quelle che solo tu, redini da Famija alla mano, me poi da risolve. Rosi, a Rosiii, a Rosiiiii sapessi! Sapessi che c’è! C’è che so’ frocio. Nun ce posso fa’ gnente, m’è arivata così, tra capo e collo anzi un po’ più’n basso. Mo nun vorei esse scurile co’ te che sei tanto bona Rosi e tanto siggnorile e beneducata. Insomma a Ro, me so accorto di questo fatto e lì per lì uno dice boh, e che ce potemo da fa’? Gnente. Se lo tenemo così. Uno è frocio e se tiene che è frocio.

Sennonché mi sono voluto sposa’. Ma mica pe amore! Eh no cara mia, che pe amare ‘sti omini bisogna da esse santi e ce vo’ pure n’aureola de scorta. No, macché, ma quale amore. Me volevo sposa’ pe’ arriva’ in fondo ar mese, si capisce. E poi perché la mamma vuole il nipotino.
Parèntesi: Non sono mica come vell’artri che non dicano nulla. Eh no. Io a mia mamma e c’ho provato a spiegaglielo come stanno le cose ma è che lei ‘un c’ha capito punto. È là che continua a di’ che i figlioli io li posso fa’ uguale basta trova’ ‘na donna. Dice: “vedrai se non puoi fare i figlioli in cooperativa con una lesbia! A’ tempi mia le cooperative e funzionavan così. Ci si dava ‘na mano l’un l’artra. O mi dirai che non è più così? Quando noi s’era all’opposizione la diccì ‘un si permetteva mica di fa’ ‘sti scherzi. Se c’era ancora ir tu’ nonno s’andava ar Partito e gliene dicevate vattro!”. Ora, già la mi’ mamma risponde male ar centralino automatico della telecom, seondo te potevo anche dille com’è che funziona la Legge 40 che poco ci manca e ‘un l’ho capita nemmen io?
Vabbe’, però questa cosa der matrimonio lei l’ha piata bene. Se n’annamo all’ufficio der comune, io e l’amico mio, e se segnamo pe’ facce sposa’. Famo pe’ firma’ le carte e l’impiegato subbito “E Nooo. De che? Ve volete da sposa’ du’ omini ansieme? Ce vole marito e moglie. La moglie chi è? A ‘ndo sta?”
“Come – je faccio io – una c’à la jella d’esse nata donna e se po’ sposa’, e due che c’hanno a disgrazia d’esse du’ froci nun possono?”
“Ma s’è mai sentito, che so, Gino e Michele sposi?”
“Che, je pare strano a lei?”
“Ma no – fa l’amico mio – nun se volemo da sposa’ pe’ davero. È… diciamo un’associazione de mutuo soccorso. Anzi, è un’associazione de soccorso ar mutuo. Lui ce mette un po’ do stipendio suo e io un po’ der mio e nun si paga più l’affitto e vivemo in una casa ch’è tutta de nioartri due. Così s’ariva in fondo ar mese e magari ce scappa pure la pizza ‘ansieme! E ce sta pure la sorella mia che è zitella e ce sta a fa' un pensierino. Però volemo avecce le carte. Metta un giorno litigamo? Metta un giorno questo me lo mannano all’artro mondo? Metta ‘na disgrazia quarsiasi… che, me buttano fori de casa così come je pare a loro? De traggedie e de disgrazie n'avemo avute già troppe, ora magari la carità de facci’ fa’ ‘st’associazione…”
Gnente, Rosy credimi nun c’è verso de faie cambia’ idea a ‘st’impiegati qui.
E quinni se rivorgiamo a te, co la speranza che te ce possa da ajuta’. Ma mica pe’ caso. Ho consurtato la zia Concetta, che ar seconno matrimonio e co’ ‘na fija nata che lei era ancora signorina e pure quindi co’ ‘nsacco de nonni sur groppone è praticamente n’avvocato divorzista coi controcosi, diciamo una teorica del diritto di famija messo in pratica.
Ci faccio questa telefonata:
“Pronto? Ciao zia, Gino sono! Come stai?”
“Gino, sangu miu!, quant’ha che non ci sentiamo? Niente niente ca passò quacche cingue giorni! Tu come stai? Ma fa freddo lì? Ah, senti, ci devi dire all’amico tuo Michele che c’ho messo il salame a staggionare apposta per lui e quando ci capita che viene qui se lo può passare a prendere. O preferisce che te lo spedisco? Ma mi scanto ca si l’arrubbano!”
“Zia ma lo sai che Michele è vegetariano… comunque proprio di lui ti volevo parlare”
“Ed è salame, mica che è castrato! Manco pare che è carne. Vabbe’, chi ci capisce è bravo. Comunque se lo vuole è qua e non glielo tocca nessuno. Che mi dovevi dire? C’ha quacche problema sua madre per caso?”
“No zia, sua madre sta bene e ti saluta. No, no, è che inzomma, io e Michele volevamo andare a vivere ‘nzemmula. Sai ‘ste cose di mutuo, paghiamo tutti e tue l’affitto, un sacco di tasse che non ti dico… volevamo a tipo sposarci ma dice che non si può fare. Ma ti pare mai? Cose, ma cose, ma cose da non crederci! E l’impiegato di l’uffico non sai come ci taliò, ca mi fece sentire uno straniero, un alieno a poco!”
“Ah cuoremio, oramai dopo due matrimoni e un divorzio credo a tutto. Comunque è vero: voialtri non vi potete sposare. Per adesso. Dice che Rrosy sta provando a farvi i moduli cambiati pure per due uomini o due fimmine, ma ‘u tiriscu ‘un boli!”
“Ah, ma tu la conosci ‘sta Rrosy? Magari ci fa un favore, tante volte…”
“Sì, la vedo un sacco di volte. ‘A viu ‘nni Bruno tutt’i siri e praticamente oramai è a tipo che ci conosciamo. So tutto. Poi lo sai che io per queste cose di famija ci sto troppo attenta. L’altro giorno ero pure all’ufficio al comune che ci spiegavo le cose sulla detrazione dell’assegno di tuo zio l’altro. Comunque, il fatto è che questa cosa ce la devi chiedere a lei ché la successione, l’eredità, ‘a pinziuni, se per disgrazia vi lasciate e tutto il resto ancora non ci si capisce niente di niente, niente proprio. E poi c’è sempre ‘u tiriscu c’un boli!”
“Zia ma chi è ‘stu tedesco?”
“Amunì, come si chiama… quello che è vestito tutto chiaro, col il cappello tutto alla moda e le scarpuzze di prada… dài, ce l’hai presente di sicuro, che a ‘stu minuto non mi viene come si chiama. È sempre in tivvù.”
“Zia ma mi pare che stai parlando di un tronista della De Filippi, non è che ti confondi?”
“Seee!, un tronista, ma può essere mai? No, no, è più vecchio. Amunì Gino sta pure a Roma ‘nni tia, se non m’ajuti!”
“Vabbe’ zia, lascia perdere. Io ‘unnu canusciu. Poi lo sai che certi ambienti qui a Roma non li frequento.”
“Ma quali ambienti e ambienti! Ti dico che è uno famoso. Tedesco. Vabbe’, inzomma, per questa cosa vedi che tu ci scrivi a Rrosy ca’ idda t’arrispunni. Sicuro, che è troppo gentile. Proprio ce lo vedi in faccia che è una brava donna. Ci mandi la lettera là al ministero e vediamo che si può fare”
“Ah, ma lavora a un ministero? E potevi dirlo subbito. Ma tu com’è che la conosci?”
“Ti rissi che è nni Vespa ‘na sira sì e l’autra puru!”
“Zia ma che mi vuoi dire? Ma mi stai parlando della Bindi? Pare che è ‘a to’ parrucchiera a comu nni parri! Grazie, che ci potevo scrivere al ministro c’avevo pensato pure io, ma così, simbolicamente, pi’ lamintarisi! Ma no pi’ daveru…”
“Gino, se ti dico che oramai è a tipo che la conosco vuol dire che è a tipo che la conosco. Se tu ci scrivi quella risponde. Tipo quelli della parrocchia ci hanno scritto una cosa sulle famiglie unni sunnu assaj, e idda ci fici ‘u congresso a Firenze. Che ci devo venire pure io mi sa, picchì devo capire tua cuggina Marisa dove me la mettono co’ ‘sta cosa ca’ patri ‘un cinn’avi. Ci racconti tutto, ci dici questa cosa di Michele e pure di come ti hanno trattato all’ufficio – ca idda è sensibbile per queste cose – e vedi tu. Voglio dire: il caso mi pare chiaro, giusto? Picciuli ‘un cinn’è, affitto non se ne può pagare, bollette non ne parliamo. E se facendo corna oggi domani finisci ‘u spitali, chi ci viene subbito a trovarti che a Roma non c’hai nessuno? Ma poi vi volete pure bene che a dall’università che vi conoscete cu’ Michele, mi pare pure loggico a me che poi due vogliono a tipo sposarsi. Per me c’avete tutto il diritto, che siete belli insieme ca una quannu vi talìa s’arricria tutta. Niente niente che poi a mia cognata ci esce il nipotino e io divento di nuovo zia.”
Rosy questo è tutto. La zia è stata chiara e io non ho niente d’aggiungere. Capita, a qualcuno, d’esse frocio. Ma la vita è già difficile così. Che, ce la fai ‘sta grazia?

cordialmente,

Giovanni Campolo

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: