Daniel Burghammer, il lanzichenecco che divenne mamma

 lanzichenecchi

La vicenda del lanzichenecco Daniel Burghammer causò un gran scalpore nell’Italia del primo seicento. Noto a tutti come un coraggioso soldato di ventura che aveva guerreggiato per anni sui campi di battaglia di mezza Europa, Burghammer, fu al centro di un evento assolutamente straordinario. A Piadena, nel maggio del 1601 quest’uomo nerboruto e dedito da sempre alla guerra, dopo aver avvertito forti dolori al basso ventre diede alla luce una bambina in perfette condizioni di salute (il parto avvenne sotto gli occhi a dir poco esterrefatti della moglie).

Il soldato olandese, a quanto si deduce dai documenti raccolti durante l’inchiesta, presentava caratteri ermafroditi ovvero genitali maschili, utero ed un seno più sviluppato dell’altro, con cui riuscì anche ad allattare la piccola Elizabetta. L’aver giaciuto, anche solo una volta, con un soldato spagnolo, gli si era dunque rivelato fatale. L’unione tra Daniel Burghammer e la moglie venne conseguentemente sciolta dalla Chiesa.

  • shares
  • Mail