Gabriele Cimadoro: “A volte li chiamo culattoni. Sono orgoglioso di essere normale”

Gabriele Cimadoro: â��A volte li chiamo culattoni. Io sono orgoglioso di essere normaleâ��Ci risiamo: basta che un politico si trovi dinanzi un microfono che, zac!, dice la sua battuta al veleno contro i gay. Questa volta la palma dell'insulsaggine va a Gabriele Cimadoro, dell'IdV, partito che pare difenda noi gay, nonché cognato di Antonio Di Pietro.

Dai microfoni de La Zanzara (Radio 24 - programma che, in sincerità, ha stancato in quanto si fa “gran cassa” degli omofobi che vagano per le nostre lande, per non parlare, poi, dell'aggressività del conduttore Giuseppe Cruciani) il politico ha detto:

Tremaglia li chiamava culattoni, io li chiamo diversi. Poi, quando non parlo in pubblico mi scappa anche culattoni. Io invece sono orgoglioso di essere normale. Per fortuna noi eterosessuali siamo la maggioranza, loro una minoranza, altrimenti…E poi Di Pietro rappresenta un po’ il machismo, anche nelle sue espressioni verbali.

Per chi non se lo ricordasse Mirko Tremaglia nel 2004 emise un comunicato – su carta intestata del ministero per gli italiani nel mondo che presiedeva– in cui scriveva: “Purtroppo Buttiglione ha perso. Povera Europa: i culattoni sono in maggioranza”.

Subito Di Pietro ha preso le distanze da Cimadoro affermando:

“Le parole dell’onorevole Cimadoro sono stupide e irresponsabili. Mi dissocio e mi scuso anche a nome del partito, con tutta la comunità gay, alla quale rinnovo affetto e stima”.

Si dirà (come succede spesso nei commenti a questo tipo di notizie): “Ma chi è questo, non dategli risalto”. E proprio qui sta l'errore: lui, Cimadoro, è in Parlamento e al momento di votare cosa prevarrà? La linea del partito che (forse) è pro gay o il suo animo di persona “normale” come lui dice di essere? È giusto che si sappia come la pensano quanti siedono in Parlamento. Ignorare quanto accade e far finta di niente non mai stata una buona politica, tanto meno per noi gay.

Lo abbiamo già sottolineato altre volte: come diceva Nanni Moretti:

“Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti!”.

E dare del culattone è parlare male nonché offensivo nei confronti delle persone omosessuali.

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: