Per i gay è difficile smettere di fumare?

Per i gay è più difficile smettere di fumare?

Uno studio recente mostra che più dell'80% dei gay e delle lesbiche che frequentano bar e club in Colorado, negli USA, fumano fino a venti sigarette al giorno. Meno del 30% di loro sta valutando di smettere e il resto non è che non voglia smettere ma ci ha provato senza riuscirvi. O hanno ripreso a fumare entro un anno.

Alla fine del 2011 il Centro Tumori dell'Università del Colorado ha portato a termine lo studio intervistando milleseicentotrenta fumatori in centoventi bar e club della città. Lo studio è stato poi pubblicato sulla rivista Nicotine & Tobacco Research e ha evidenziato come coloro che si sono identificati come appartenenti alla comunità lgbt hanno mostrato una scarsa accettazione delle strategie proposte per smettere di fumare. A quanto sembra una delle difficoltà maggiori che incontrano gay e lesbiche statunitensi nello smettere di fumare riguarda il loro rapporto con il medico. Per molte persone lgbt, infatti, i medici (sia presi singolarmente che come strutture sanitarie) non sanno ben rapportarsi con loro. Senza dimenticare, poi, che per alcuni gay fumare mentre si fa sesso è una pratica ritenuta eccitante.

Questa la situazione nel Colorado. E qui da noi come stanno le cose? Siete gay, lesbiche, bisessuali, trans e fumate? Avete smesso? Con quali risultati?

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: