Marie Laurencin: dal cubismo a Coco Chanel

Nonostante un sicuro talento, la pittrice cubista Marie Laurencin venne sistematicamente ignorata dai critici d' arte. Questo non le impedì di avere una vita sempre spronata al galoppo tra amori appassionati ed amicizie importanti, prima fra tutte quella con l'onnipotente Gertrude Stein.

Sappiamo tutti quanto il pregiudizio in tutte le sue innumerevoli screziature sia radicato. Marie Laurençin, una delle pittrici cubiste più abili e talentuose, fu spesso ignorata dagli studiosi del celebre movimento proprio a causa di una forma notissima e dura a morire di pregiudizio come il maschilismo. Tuttavia la Laurencin seppe addentare sempre la vita con entusiasmo, tuffarsi in appassionate storie d' amore con uomini e donne, arrivando a imporsi come una delle figure chiave della Parigi di inizio secolo.

Dopo un 'intensissima relazione con Guillaume Apollinaire, la pittrice convolò a nozze con il barone Otto von Wätjen, trasferendosi a vivere in Spagna. Alla fine della Grande Guerra, la Laurencin tornò però a Parigi, dove questa volta strinse amicizia con l' onnipotente Gertrude Stein che da quel momento in avanti divenne una convinta promotrice delle opere della pittrice.

marie-laurencin-

Gli anni a cavallo delle due guerre furono del resto quelli di maggiore popolarità per l' artista che ritrasse diverse celebrità del periodo, prima fra tutte la temibile Coco Chanel, allora indiscussa prima donna della moda made in France.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail