Dragon Age: Inquisition vietato in India per un personaggio gay nel videogioco?

Dragon Age: Inquisition infrange la legge: per questo motivo è stato vietato in India.

Dragon Age: Inquisition è un videogioco che non verrà mai più rilasciato in India. Il motivo è che potrebbe "violare le leggi locali".

Electronic Arts ha confermato, lo scorso sabato 15 novembre in un comunicato, che il gioco sarebbe stato ritirato dalle vendite nel paese conservatore. I pre-orders effettuati da parte del pubblico saranno annullati e le persone saranno rimborsate. EA non ha specificato la natura del contenuto che starebbe violando la legge, ma i fan ipotizzano che il gioco sarebbe stato vietato proprio a causa della sua presenza di un personaggio gay. Del resto non possiamo non ricordare che a dicembre dello scorso anno l'omosessualità è stata nuovamente indicata come crimine nel Paese.

Dragon Age: Inquisition vede, tra i protagonisti del terzo capitolo della saga, anche Dorian. Lui, in base alle possibilità dei giocatori, ha la possibilità di avere come interesse amoroso esclusivamente per altri protagonisti maschili. E' quindi possibile dare vita solo ad una relazione gay con lui al centro delle vicende.

dragon age

David Gaider, sviluppatore del videogioco, ha raccontato così la scelta di inserire Dorian come elemento Lgbt:

"Dorian è il primo personaggio apertamente gay che ho avuto l'opportunità di scrivere. Suppongo che questo aspetto possa provocare polemiche in alcune parti del mondo ma sono stato contento di inserirlo. Ha fatto scrivere per Dorian un'esperienza molto personale e sono fiducioso che lo farà apparire come un protagonista pienamente realizzato per i fan della serie"

Via | GayStarNews

  • shares
  • Mail