Agghiacciante: 19enne accoltellato al cuore in Brasile per omofobia

Un 19enne è stato accoltellato in Brasile: ennesimo omicidio a sfondo omofobo in un Paese che non conosce più regole

brasiliano ucciso

Tutti i delitti e i crimini d'odio sono uguali, a prescindere che li si pianifichi nei minimi dettagli o che si compia un gesto sul momento; ci sono alcuni gesti, però, che restano impressi, non solo per la vittima - in questo caso, il povero 19enne Marcos Vinicius Macedo Souza -, ma anche per la violenza fisica che viene usata: l'adolescente in questione, infatti, è stato aggredito in un parco, da un criminale che lo insultava da giorni assieme ad altri ragazzi; criminale che, purtroppo, ha impiegato pochissimo per accoltellarlo al cuore e fuggire: sono i medici a parlare, sostenendo che, una volta arrivato in sala operatoria, Marcos aveva il cuore aperto a metà.

Sono dettagli forse macabri per qualcuno, ma ritengo che vadano condivisi almeno in parte: ripeto, non cambia nulla sapere tutto, ma diffondere queste tragedie fa capire quanto l'essere umano possa diventare peggio delle bestie per motivi che non hanno ragion d'essere. Follia allo stato puro, insomma, in un parco, quello di Ibirapuera a San Paolo, dove la polizia ha accertato che l'omofobia dilagava: un gruppo, infatti, infastidiva la comunità gay locale proprio in quelle zone, nelle quali gli omosessuali erano soliti riunirsi per mangiare e stare assieme.

La polizia ha contattato un amico, che ha subito spiegato la dinamica dei fatti: Marcos si era appartato per cercare un posto in cui urinare; proprio in quel momento, l'aggressore gli si è avvicinato e ha iniziato ad accoltellarlo, fuggendo quando sono arrivati tutti. Marcos riusciva a stento a parlare quando è stato aggredito, poi ha smesso di farlo in sala operatoria, dov'è morto subito. Una storia difficile da accettare per noi omosessuali e per qualsiasi persona che possa essere definita essere umano: non ci sarà giustizia su questa terra per Marcos, ma la vita - si sa - prima o poi ti chiede il conto.

Via | G1.globo.com

  • shares
  • Mail