Pastore mennonita di 96 anni celebra le nozze gay di suo figlio e viene sospeso

Chester Wenger, pastore mennonita di 96 anni, ha celebrato le nozze di suo figlio con un altro uomo per spingere la sua chiesa a riflettere sulla realtà LGBT

Nonostante fosse in pensione per via della sua età avanzata, un pastore mennonita si è visto ritirare le sue credenziali di pastore per aver celebrato il matrimonio di suo figlio gay lo scorso mese di giugno. Il fatto mostra che il dibattito sulla realtà LGBT e la discrepanza di opinioni ha ormai raggiunto tutto il mondo del protestantesimo nordamericano.

Chester Wenger è un pastore mennonita in pensione, ha 96 anni e vive nella piccola città di East Lampeter in Pennsylvania, USA. Su un bollettino mennonita il pastore ha fatto sapere che, con molto piacere, aveva celebrato il matrimonio tra suo figlio e un altro uomo. Lo ha fatto ben sapendo che il fatto avrebbe generato delle polemiche e pienamente cosciente delle possibili conseguenze, ma pienamente convinto della correttezza della sua decisione (in barba a chi dice che le persone anziane vivono nel passato e le rivoluzioni le fanno solo i giovani!)

Ci saranno coloro che mi accuseranno per la mia trasgressione. Ma il mio atto di amore è fatto nella chiesa che amo e la mia coscienza è limpida.

Mennoniti

La decisione di Wenger ha avuto come conseguenza il fatto che gli venisse ritirato il permesso di continuare a essere pastore. Per Keith Weaver, moderatore della Conferenza Mennonita di Lancaster (contea a cui appartiene East Lampeter), il Wenger avrebbe violato le norme della chiesa, secondo le quali

i pastori con le credenziali di una conferenza della Chiesa Mennonita degli Stati Uniti non sono autorizzati a celebrare unioni tra persone dello stesso sesso.

La decisione è stata presa a seguito di un processo che, secondo il moderatore Weaver, è stato “reciprocamente pieno di grazia e di rispetto”.

E il figlio del pastore Wenger che dice? Dopo aver sottolineato che non aveva chiesto al padre di celebrare le sue nozze per via delle possibili conseguenze, ha affermato con orgoglio:

Lo zelo ha spinto mio padre a parlare con i suoi fratelli mennoniti della Conferenza di Lancaster e di farlo con un messaggio di amore e un desiderio di condividere il suo punto di vista dopo una lunga vita di studio della Bibbia e mettendo sul piatto una questione che rappresenta una sfida per la nostra comunità.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail