Ministro dell'Uganda: "Obama e Cameron non amano i loro figli se sono a favore delle nozze gay"

Simon Lokodo condanna l'apertura da parte di Usa e Inghilterra alle nozze gay. E mette anche in discussione l'amore di Cameron e Obama nei confronti dei loro figli.

L'omofobia ancora in arrivo dall'Uganda. Questa volta a parlare ed esporsi pubblicamente contro i matrimoni tra persone dello stesso sesso, è stato Simon Lokodo. Il ministro si è spinto anche oltre, mettendo in discussione il ruolo di buoni genitori di Barack Obama e David Cameron. Il motivo è semplice: la loro apertura nei confronti delle nozze gay.

Nel suo delirio di onnipotenza, Lokodo ha anche ribadito alla rivista GQ, la totale assenza di omosessuali in Uganda. Non v'è traccia di gay, secondo il Ministro, nel luogo in cui lui governa. Solo eterosessuali. La minaccia, secondo l'uomo, arriva dall'esterno, per colpa degli altri Paesi.

uganda

'L'omosessualità non è africana. Non c'è mai stata alcuna parola in merito all'omosessualità qui, in questo Paese, prima d'ora. Questo è un comportamento estraneo che arriva dall'estero"

A quel punto ha poi parlato di Obama e Cameron, senza lesinare alcun attacco:

"Ho feeling con Cameron e Obama, ma loro non sono ovviamente responsabili. Sono entrambi eterosessuali e hanno figli. Allo stesso tempo però non devono amare i loro figli altrimenti perché avrebbero dovuto permettere che i loro bambini crescerebbero in una simile società? No, non sono genitori responsabili. Non possono amare i loro figli abbastanza"

Uno Stato che permette e sostiene i diritti Lgbt non sarebbe un posto adatto in cui far crescere la propria prole. Ebbene sì. Soprattutto quando proprio loro, i genitori, sono favorevoli ai matrimoni gay.

Via | GayStarNews

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: