La prima pubblicità gay in Cina

L'azienda di e-commerce cinese Dangdang ha realizzato un video per la promozione dell'uguaglianza delle persone LGBT

Temo il pregiudizio, ma ho il coraggio di amare.

È questo lo slogan della prima pubblicità cinese a favore delle persone lesbiche, gay, bisessuali e transessuali. A realizzarla è stata Dangdang, azienda di e-commerce della Cina, all’interno della campagna Dare to Do, Dare to Be, campagna che vuole celebrare i quindici anni di attività dell’azienda. Lo spot però non ha superato la rigida censura cinese: ma la Dangdang non si è persa d’animo e ha postato sui social network prima l’immagine censurata (quella di due ragazzi che si tengono per mano) e poi l’intero video. Li Guoqing, amministratore delegato di Dangdang (che, tra l’altro, è stata la prima azienda cinese a sostenere in maniera pubblica i diritti umani delle persone LGBT), nel condividere su Weibo (la versione cinese di Twitter) ha così scritto:

Questo era l’unica immagine della campagna che non ha superato i controlli. Spero ancora che tutti possano vedere il contenuto espresso – anche la tolleranza, la comprensione e la pace riflettono l’audacia e il coraggio di essere. In quest’epoca piena di falsità, chiunque si batte per il vero amore dovrebbe essere applaudito.

Il primo spot gay cinese

In un secondo momento Li Guoqing ha pubblicato anche l’intero video della campagna, scrivendo:

In realtà quando abbiamo iniziato le riprese avevamo paura che non avrebbe superato la censura. Ma ci siamo detti “Il coraggio è fare le cose di cui si ha paura”.

Ancora una volta la rete, se ben usata, diventa occasione di promozione per la promozione dei diritti umani.

Via | Lezpop

  • shares
  • Mail