Pastore omofobo: "Boicottate Starbucks, diffonde l'ebola a causa dei clienti gay!"

Non pensavate mica di passarla liscia in questo caso? Anche l'ebola è colpa dei gay.

James David Manning è un pastore notoriamente omofobo, contrario ai diritti gay e ben noto per le sue posizioni di condanna nei confronti del mondo Lgbt. Nelle scorse ore, però, il religioso da deciso di superarsi. In un video caricato sul suo blog, ha espressamente rivelato una delle maggiori cause di rischio e trasmissione dell'ebola.

Secondo il religioso, infatti, i fedeli -e quindi coloro che, in generale ci tengono alla propria salute- dovrebbero stare alla larga da... Starbucks. Se avete aggrottato le sopracciglia come ho fatto io, vi spiego il motivo di questo suggerimento non richiesto.

"I negozi di caffè Starbucks sono una fonte per la diffusione di Ebola e di altre malattie, a causa della clientela che vi entra. In generale, i sodomiti che frequentano Starbucks, che siedono lì con i loro computer- in questo che è anche un luogo di incontro- si scambiano un sacco di fluidi corporei, scuotono le mani e se le stringono"

starbucks

I gay, secondo Manning, spargono liquidi, scuotono le mani (è tipo un'arma? Un chiaro gesto di distruzione di massa?) e se le stringono anche fra di loro. Gli omosessuali eh. Gli etero, invece, si salutano a testate, è noto a tutti.

Il pastore poi continua il suo allarme mondiale:

"State lontani da Starbucks se non desiderate prendervi l'Ebola. E soprattutto da Starbucks nelle aree urbane ..."

In passato, L'Organizzazione Nazionale per il Matrimonio ha lanciato un boicottaggio contro Starbucks dopo che la società ha ammesso di essere a sostegno delle nozze gay. La società ha detto che il boicottaggio non ha avuto alcun impatto sul business e sugli affari.

Via | GayStarNews

  • shares
  • Mail