Luxuria e l'apertura di Berlusconi alle unioni gay: "Io determinante? Non so ma mi piace pensarlo"

L'ex parlamentare parla dell'apertura di Silvio Berlusconi nei confronti dei diritti Lgbt

Ha fatto discutere, nei giorni scorsi, la cena di Vladimir Luxuria -testimoniata da diversi selfie- ad Arcore, insieme a Francesca Pascale, per parlare di diritti Lgbt con l'ex Premier. Poco dopo, lo stesso Silvio Berlusconi ha pubblicamente dato il suo sostegno alle unioni civili gay, prendendo ad esempio il modello tedesco. E in un'intervista a Foggia Today, Luxuria è tornata sull'argomento. E' merito suo di questo cambiamento all'interno di Forza Italia?

"Determinante? Non so, però mi piace pensarlo! (...) Il mio obiettivo e della maggior parte dei membri della comunità LGBTI è il matrimonio per tutti, ma l'ipotesi più realistica resta il modello tedesco“

Proprio questo modello di ispirazione permette l'adozione di figli solo all'interno delle coppie gay:

vladimir luxuria con berlusconi e francesca pascale

"E' vero! L'adozione è concessa esclusivamente all'interno della coppia. È la cosiddetta stepchild adoption (l'adozione del figliastro, ndi),ossia la possibilità di estendere la genitorialità sui figli naturali o adottivi del partner anche al convivente dello stesso sesso. Non posso accettare che due donne si rechino all'estero per mettere al mondo un figlio con la fecondazione assistita e che in Italia, in caso di decesso del genitore biologico, il partner non possa vantare diritti o assumere doveri nei suoi confronti. Oggi Gianfranco Fini vuole apparire gay friendly, ma ricordo che sostenne la legge 40 del 2004, la più discriminatoria perché vieta la fecondazione artificiale alle coppie omosessuali"

Via Twitter, Luxuria ha espresso la soddisfazione di aver vinto una sfida e risposto, in quel modo, alle critiche:

  • shares
  • Mail