Leo Gullotta: "La Rai non ha voluto che interpretassi don Puglisi perché sono gay"

leo gullotta

Leo Gullotta, oltre ad essere un attore apprezzato e comico di grande successo, è stato anche uno dei primi personaggi conosciuti in Italia a fare coming out, diversi anni fa. Un atto coraggioso, per quel periodo, che merita sicuramente stima e riconoscimento. Ma proprio lui, in una recente intervista, ha ammesso gli ostacoli trovati nel suo cammino dopo quella scelta. Il tutto è iniziato parlando di Lucio Dalla (tralasciando il solito uso di outing invece di coming out)

Fare outing non è un obbligo ma siamo un paese bigotto, perfino alcuni organi di stampa hanno sentito il dovere di definire “un collaboratore” il compagno di Lucio.

Parole condivisibili a cui aggiunge il ricordo di non essere riuscito a interpretare don Puglisi in una fiction per la tv di Stato. E non fu un religioso a lottare contro la sua assegnazione del ruolo:

Non si trattò di un monsignore. Di traverso si mise un burocrate del settimo piano di viale Mazzini. Don Puglisi era in odore di beatificazione, dare il ruolo a un omosessuale non andava bene.

Via | Leggo
Fonte Foto | TM News

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: