Gasparri scrive a Berlusconi contro Luxuria: "Si perdono consensi così"

Dichiarazioni certamente non nuove e sorprendenti, quelle di Maurizio Gasparri su Vladimir Luxuria

maurizio gasparri

Le dichiarazioni di Maurizio Gasparri non ci sorprendono affatto, visto che parliamo di un politico da sempre ostile alla causa gay e recentemente finito al centro dell'attenzione per aver dichiarato di preferire Vladimir Putin a Vladimir Luxuria: roba da mettersi le mani nei capelli, se pensate ai drammi che vivono quotidianamente gli omosessuali russi (ma fortunatamente la vita è una ruota che gira e gli omofobi sono prossimi all'estinzione: questo lo sappiamo).

Mentre Mara Carfagna si esponeva senza giri di parole a favore del matrimonio gay, Maurizio Gasparri non perdeva l'occasione di scambiare quattro chiacchiere con quelli di Radio 24. Il risultato? Delle dichiarazioni palesemente contro Luxuria:

"Non ho trovato nessuno tra i militanti e gli elettori di Forza Italia contrari a quello che penso io. Il 90 per cento dei nostri elettori sono contrari alla linea di Luxuria, io non la porterei mai in un nostro circolo come testimonial".

E già su questo ci sarebbe molto da ridire. Ma continuiamo:

"Ci sono molti deputati e senatori che la pensano esattamente come me e non vogliono dirlo. Sono contro quelli che cambiano per convenienza e tacciono per timori. Ho scritto a Berlusconi che si perdono consensi prendendo gli applausi da chi non ti voterà mai. Lui mi ha sempre detto di essere contrario a matrimonio e adozioni e di riflettere invece sui diritti. Ora Luxuria ne ha dato una versione diversa".

A questo punto, attendiamo le dichiarazioni del diretto interessato, con la speranza che siano le più chiare e meno fraintendibili possibile.

Via | Gayburg

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: