"Siete gay e non potete donare", coppia gay discriminata a Lecce

A Lecce assurdo episodio di omofobia: non puoi donare il sangue se sei gay

donare sangue gay

Anche se questa storia ha un lieto fine, quanto abbiamo saputo su ciò che è successo a questa coppia gay nel leccese ci fa inorridire: siamo nel 2014 e in un ospedale si sente ancora dire che, se sei gay, non puoi donare il sangue perché sei a rischio, come se essere omosessuali significasse essere portatori di chissà quale malattia.

La tensione è scoppiata quando al Santa Caterina Novella di Galatina i responsabili del reparto immuno-trasfusionale hanno opposto resistenza al fatto che due omosessuali donassero il loro sangue, come già facevano da diverso tempo, del resto: la coppia, infatti, è stata ritenuta soggetta a rischio e a intervenire per impedire che donasse è stata anche un'infermiera, come racconta Salvatore Antonio Schimera Ceci, uno dei due omosessuali:

"Un'infermiera ha provato anche a dissuaderci dicendo che già in passato il nostro sangue era stato buttato".

La coppia ha subito chiamato i carabinieri e il proprio avvocato: alla fine il prelievo è stato possibile, con il responsabile del centro che continuava a dire che aveva agito secondo la legge e non per pregiudizio, salvo poi essere smentito dall'addetto al prelievo stesso: quest'ultimo, infatti, ha invitato la coppia a donare di nuovo il sangue, proprio perché non esiste alcuna norma che lo vieti.

"Si tratta di un ingiustificato e grossolano errore - queste, le parole del direttore generale della Asl Lecce, Valdo Mellone - che ha i connotati di una discriminazione espressamente vietata anche dalla nostra Costituzione, ma immagino che il medico abbia agito in buona fede".

Gli accertamenti sono iniziati: qualcuno pagherà per questo orribile episodio di discriminazione?

Via | Repubblica

  • shares
  • Mail