Memorie di una drag queen. In questi giorni sono fuori di me

Dire che Kilmer-Purcell ha avuto una doppia vita significa davvero sottovalutarlo

Drag queen

In questi giorni sono fuori di me. Memoir è il romanzo di Josh Kilmer-Purcell, pubblicato per i tipi della Baldini Castoldi Dalai e un po’ difficile da trovare, a dire il vero, che – a mo' di tragicomiche memorie – racconta la propria vita di pubblicitario di giorno e drag queen di notte (dall'altisonante nome di Aquadisiac) e del suo compagno, Jack, che è un escort gay (nome d'arte Aidan) che annovera tra la sua clientela soprattutto persone amanti del sadomasochismo. Insomma, quella che si dice una bella coppia! Come dice l'autore:

Quando stiamo insieme sembriamo una coppia normale. La domenica leggiamo il “Times”, andiamo ai brunch con gli amici, parliamo di politica e di cinema. Non sarò una drag queen per sempre. E lui non sarà un escort per sempre. Un giorno saremo gente per bene, con carriere stereotipate, classiche crisi di mezza età e alla fine pensionati con un appartamentino in Florida.

Non so se sia più triste una vita così movimentata o una da gente per bene, con carriere stereotipate... Nel libro – i cui diritti cinematografici sono stati già acquistati – troviamo anche la seguente spiegazione del mondo del “vestito”

Chi si traveste a scopo di feticismo sessuale è un travestito. Chi si traveste per dare spettacolo è una drag queen. E chiunque pensi che, abiti a parte, il suo corpo non gli appartenga, è un transessuale.

Ecco, quest’ultima parte dovrebbero averla presente nelle redazioni di vari giornali che, come ben sappiamo, fanno spessissimo confusione in merito.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail