L’accoglienza dei figli gay arriva al sinodo dei vescovi

In famiglia i figlia gay si accolgono, dice una coppia australiana ai vescovi riuniti in sinodo. Chissà se avranno capito l'antifona...

Uno degli slogan più volte ripetuti di questo sinodo dei vescovi sulla famiglia è “compassione e misericordia” che spesso viene usato per parlare dei divorziati risposati in seno alla chiesa cattolica (con tutte le polemiche e i distinguo che vengono fatti da chi è abituato, purtroppo, a guardare ai codici legislativi e non alle persone a cui le norme si riferiscono). Ma Ron e Mavis Pirola, co-direttori del Consiglio cattolico d'Australia per il matrimonio e la famiglia hanno declinato questo slogan in chiave queer. Invitati a parlare al sinodo nella giornata di ieri pomeriggio, Ron e Mavis hanno ricordato a tutti i vescovi e i cardinali presenti che la famiglia – chiamata “chiesa domestica” nella tradizione cattolica –

ha molto da offrire alla Chiesa nel suo compito di evangelizzare. Ad esempio, la Chiesa affronta costantemente la tensione di sostenere la verità pur esprimendo compassione e misericordia. Le famiglie devono affrontare questa tensione in ogni momento.

Il sinodo dei vescovi sulla famiglia

Ed è a questo proposito che hanno portato un esempio di loro amici:

Dei nostri amici stavano progettando la loro riunione di famiglia per Natale, quando il loro figlio gay ha detto di voler portare a casa il compagno. Loro credevano fino in fondo agli insegnamenti della Chiesa e sapevano che i loro nipoti avrebbero voluto vederli accogliere il loro figlio e il suo compagno in famiglia. La loro risposta potrebbe essere riassunta in tre parole: “È nostro figlio”.

Una realtà che, per fortuna, molte famiglie conoscono e che non rappresenta certo una novità ma che comunque ci si augura che faccia riflettere i vescovi che sono sempre pronti ad affermare, a parole, che la chiesa è “madre”, ma poi all’atto pratico se ne dimenticano.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: