JLo parla di The Fosters e della sua reazione all’eventuale coming out del figlio

Repubblica intervista a tutto campo a Jennifer Lopez che, tra le altre cose, parla anche di come reagirebbe all’ipotetico coming out del figlio

Più volte qui su Queerblog abbiamo parlato di The Fosters, la serie della Abc, prodotta da Jennifer Lopez, con al centro una coppia di lesbiche con figli naturali e adottivi che decidono di prendere in affidamento due fratelli dai trascorsi violenti. La serie ha recentemente ricevuto anche il prestigioso GLAAD Award.

Ora la stessa JLo ne parla in una lunga intervista a Repubblica. Oltre a ricordare che la sit-com è, di fatto, il racconto della storia di una sua zia lesbica (una zia che ha sempre rivendicato di essere lesbica, anche in un periodo in cui era molto difficile vivere apertamente il proprio orientamento sessuale), Jennifer Lopez spiega:

Mi è sembrato da subito un progetto originale e coraggioso, il tema è delicato e affrontato in modo serio e emozionante. Credo che questa debba essere, oggi, la tv: uno stimolo alla riflessione sulle questioni d'attualità. Il cinema è arte, la tv una palestra.

Jennifer Lopez premiata dalla comunità gay

The Fosters non tratta, però, solo il tema dell’omosessualità, ma tutta una serie di argomenti che JLo riassume così:

È una serie che parla del bisogno di essere accettati da una società che considera "diversi" i gay, gli orfani, gli immigrati, i neri, gli ispanici. Spero che le nuove generazioni siano più illuminate e che non esistano più le differenze sociali, religiose, etniche e soprattutto sessuali.

La giornalista Silvia Bizio chiede poi a Jennifer Lopez come reagirebbe se suo figlio facesse coming out. Limpida la risposta di JLo:

Pensa che questo potrebbe cambiare l'amore di una madre? Direi proprio di no. Peggio sarebbe se mio figlio a quattordici anni mi dicesse di essere innamorato e mi annunciasse di aspettare un bambino. Quello sarebbe un vero casino. Altro che gay o etero.

Bella risposta, non trovate?

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail