Bologna all’avanguardia per i diritti gay, anche defunti

Con il nuovo regolamento di Polizia mortuaria, il comune di Bologna fa un altro passo in avanti per il rispetto dei diritti umani delle persone LGBT

Se il ministro dell’interno Angelino Alfano punta i piedi in Parlamento e dice che Bologna (e altre città) non possono riconoscere i matrimoni ugualitari celebrati all’estero (e si becca, per queste affermazioni, una denuncia per omofobia da parte di due vescovi), il sindaco di Bologna continua per la sua strada nell’essere un paladino dell’uguaglianza dei diritti umani delle persone omosessuali. Un “non possumus” laico, indirizzato ad Alfano.

Nello specifico parliamo delle modifiche al regolamento di Polizia mortuaria con le quali si allargano ai conviventi (cioè alle persone legate al defunto da “soli” vincoli affettivi) alcune facoltà e alcuni diritti già riconosciuti al coniuge e ai parenti. Si potrà tumulare nel cimitero il convivente, anche se non residente a Bologna e, sempre il convivente, potrà esprimere la volontà del defunto per quel che riguarda la cremazione, la dispersione e l’affidamento delle ceneri.

Apre a Berlino il primo cimitero per lesbiche

Nota il blog dedicato al settore funerario:

Nel regolamento, poi, spiega la nota dell’amministrazione, «oltre alla definizione di congiunti viene aggiunta quella di convivente, cioè la persona inserita nello stato di famiglia del defunto al momento del decesso, in ragione dell’esistenza dei soli vincoli affettivi e, quindi, non legata al defunto da vincoli di matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela». Il convivente potrà dunque autorizzare operazioni di disseppellimento, avrà il pieno godimento del diritto d’uso della concessione cimiteriale, potrà subentrare nella titolarità della concessione e rinunciare alla stessa.

Quando il sindaco di Bologna, Virginio Merola, nei mesi scorsi annunciò la misura, così commentò:

Capisco che il tema magari non è molto allegro ma basta cambiare il regolamento di Polizia mortuaria per permettere a una persona, gay o anche che ha solo una relazione affettiva, di poter essere tumulato insieme al partner.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail