La bisessualità di Tyrone Power, il divo dallo sguardo di velluto

Bellissimo, Tyron Power si impose come uno degli attori più amati di tutta Hollywood. La sua bisessualità vista allora come una minaccia dagli studios fu tenuta segreta fino alla morte avvenuta nel 1958 sul set della Regina di Saba. Questo almeno secondo biografie e testimonianze in circolazione in questi ultimi decenni.

Considerato uno dei divi più affascinanti dell'epoca d'oro di Hollywood, Tyrone Power (1914-1958) interpretò film indimenticabili come Sangue ed Arena (accanto ad una conturbante Rita Hayworth) e La grande pioggia (al fianco di una altrettanto affascinante Myrna Loy), ruoli che gli diedero un'immensa popolarità soprattutto presso il pubblico femminile (e non solo in America). Tuttavia dietro una facciata da tombeur de femmes (si sposò per ben tre volte), il divo nascondeva, almeno secondo diverse biografie e testimonianze, una bisessualità dirompente che nel corso degli anni lo portò ad avere diverse relazioni omosessuali.

A questo proposito si cita spesso quella con il collega Cesar Romero, anche se la più importante e duratura sarebbe stata, a dire il vero, con un tecnico delle luci. Una carriera luminosa la sua, costellata da molti trionfi e riconoscimenti ma che finì bruscamente nell'autunno del 1958 quando l'attore, impegnato sul set della Regina di Saba accanto a Gina Lollobrigida, venne colpito da un infarto. Aveva solo 44 anni. Nel suo ruolo subentrò allora un altro grande divo del momento, l'attore di origini russe Yul Brynner, all'apice della carriera dopo il successo planetario di Il re ed io ed I dieci comandamenti.

Tyrone-power-1

Via | Gayinfluence

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail