Francesca Pascale al Gay Village: "L'Italia deve smettere di essere un paese bigotto!"

Promessa mantenuta e invito accettato: la fidanzata di Berlusconi ospite dell'ultima serata

Proprio ieri vi abbiamo annunciato l'invito ben accolto da Francesca Pascale, la compagna di Berlusconi, a presenziare alla serata finale del Gay Village, dopo il suo intervento telefonico con Vladimir Luxuria. Lei aveva accettato promettendo di esserci. E così è stato. Ieri sera, in un elegante mise total white, la Pascale è stata l'ospite d'onore, ribadendo il suo sostegno verso i diritti Lgbt:

"Forza Italia farà nascere un dipartimento per i diritti civili e mi auguro che possa guidarlo Mara Carfagna. Sono qui perché mi sento parte di questa famiglia. Ma sono venuta tante volte qui e solo oggi in qualità di ospite d'onore. L'Italia deve smettere di essere un Paese bigotto"

Francesca Pascale, fidanzata di Berlusconi, sarebbe lesbica secondo l’attrice Michelle Bonev

Se non possiamo che concordare sulla necessità di lasciare da parte i soliti pregiudizi bigotti, mi lascia un po' dubbioso la scelta di Mara Carfagna a capo di un possibile dipartimento per i diritti civili...

Proprio Francesca, da tempo, aveva espresso il proprio appoggio alle causa Lgbt come sicuramente ricorderete:

"Cristo ha detto: ama il prossimo tuo come te stesso. Non ha insegnato a fare differenza tra gay ed etero. Ecco, mi piacerebbe se il centrodestra aprisse i suoi orizzonti e affermasse: siamo liberali fino in fondo e non soltanto quando ci interessa o quando ci fa comodo. Va bene rispettare ciò che dice la Chiesa, ma la Chiesa deve rispettare anche la libertà di uno stato laico e non confessionale, altrimenti si sconfina nella discriminazione di chi non è cattolico"

Via | TgCom

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: