Aceh, omosessualità punita con 100 mesi di prigione e 100 frustate

La legge è entrata ufficialmente in vigore.

L'Aceh è un "territorio speciale" dell'Indonesia, situato sull'estremità settentrionale dell'isola di Sumatra, e proprio in questa zona è stata resa attiva una nuova legge che vieta e punisce severamente l'omosessualità. Non solo è ufficialmente vietata e non accettata ma coloro che vengono scoperti "colpevoli" rischiano anche conseguenze davvero pesanti. Si parla di 100 mesi di carcere, 100 frustate o l'equivalente in 1000 grammi d'oro per evitare la pena.

E' vietato tra persone delle stesso sesso -sia donne che uomini- sia musulmani o credenti in un'altra religione, senza alcuna distinzione. Nonostante le proteste internazionali e la condanna da altre parti meno intransigenti nella stessa Indonesia, la legge è ormai stata adottata.

Un portavoce ha detto a Reuters:

stop omofobia

"Noi cerchiamo di prendere in considerazione le condizioni. Questo significa non implementare l'attuazione immediata della legge. Fondamentalmente è così ma verrà attuata lentamente fino a quando tutti non saranno pronti a farla rispettare. La società oggi deve ottenere un buon riscontro sull'applicazione di questa legge. Almeno ogni villaggio deve avere una persona con l'incarico di seguire e ordinare questo comportamento e seguire questa legge"

Basti pensare che era stata presa in considerazione una proposta di legge che includeva la pena di morte per l'omosessualità nella regione. Fu introdotta nel 2009, ma è stato posto il veto del governatore a seguito delle feroci e intense proteste internazionali. L'omosessualità è legale nel resto dell'Indonesia, anche se l'età del consenso per il sesso gay è superiore rispetto a quella per il sesso eterosessuale.

Via | PinkNews

  • shares
  • Mail