Rupert Everett ripete: "Sarei stato 007 se non avessi detto che ero gay"

rupert everett coming out amaro

Oggi esce nelle sale il film "Hysteria", di cui i cugini di Cineblog hanno parlato abbondantemente. Tra gli attori presente c'è anche Rupert Everett che, al settimanale Gioia, aveva raccontato poco tempo fa:

"Lo show business, se dichiari di essere gay, ti offre solo parti da omosessuale. Una scelta che ho pagato. Se avessi una bella moglie, una casa a Malibu, tre bambini, un cane e una station wagon, avrei girato molti più film. Sapevo perfettamente cosa rischiavo. C’è una sola cosa che mi dispiace tanto: non aver potuto interpretare 007!”

Un sapore amaro dopo il coming out che non lancia sicuramente un messaggio positivo nei confronti dell'Hollywood che conta. Voi pensate che Rupert abbia ragione e che siano delle conseguenze reali del suo coming out o che sia una giustificazione ai pochi ruoli ottenuti?

Fonte Foto | TM News

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: