Laura Pausini e i gay limpidi: "Dobbiamo essere sinceri davanti a noi stessi"

Parole dolci e significative, quelle di Laura Pausini, dopo l'assassinio del ragazzo gay brasiliano

laura pausini

La notizia dell'uccisione del ragazzo brasiliano per mano di un agricoltore ha scosso molto non solo tutta la comunità LGBT ma anche Laura Pausini, una tra i pochi - se non la sola, a quanto ci risulta - che ha espresso parole di forte indignazione e rabbia nei confronti di una realtà che fatica a cambiare.

Il momento, però, ha visto la cantante intervenire anche con ben due canzoni: non solo la splendida In una stanza quasi rosa - "Per chi si ama, stop alla violenza sull'amore", ha commentato su Facebook -, ma anche Limpido, che le ha permesso di scrivere un pensiero davvero profondo, e che va oltre questo orribile fatto di cronaca:

"Questa canzone sprona ad essere chi siamo senza paura. È stata scritta per dare coraggio a chi non deve cambiare. Per nessuna ragione al mondo. Siamo chi siamo per una ragione, per una splendida occasione di viverla la nostra vita... e dobbiamo essere sinceri davanti a noi stessi, come davanti agli altri... dovremmo potere sentirci come quando lo saremo di fronte a Dio. Liberi. Limpidi".

Onore a chi vive alla luce del sole

Non è un messaggio che tira in ballo direttamente gli omosessuali, ma è stato pubblicato il giorno in cui la sua condanna si è fatta sentire su Facebook, e quindi pensiamo che sia comunque rivolta anche al mondo LGBT. Che dire: onore al ragazzino morto che ha combattuto e non si è nascosto; onore a tutti coloro che vivono la propria vita alla luce del sole, hanno il coraggio di amare fino in fondo, non solo gli altri ma anche sé stessi; onore a chi rischia un insulto pur di non ritrovarsi la notte fra le braccia di una transessuale perché incapace di accettare una realtà che non può essere cambiata. Onore a tutti noi, che dobbiamo nascere due volte e che quando rinasciamo decidiamo di non morire più ogni giorno.

  • shares
  • Mail