L'Europarlamento condanna la legge russa anti-gay


L'Unione Europea non rimane a guardare mentre in Russia i diritti delle persone lgbt vengono sempre più minacciati e ridotti. In una risoluzione approvata oggi a proposito dei rapporti con la Russia, il Parlamento europeo ha condannato con fermezza la legge contro la "propaganda gay" approvata dall'Assemblea di San Pietroburgo e altre analoghe introdotte nelle regioni di Ryazan, Arkhangelsk e Kostroma.

Bruxelles richiama le autorità russe al dovere di non restringere la libertà di espressione in relazione all'orientamento sessuale o all'identità di genere, in linea con la Convenzione europea sui diritti umani e l'International Covenant on Civil and Political Rights. In più gli europaramentari hanno chiesto al Vicepresidente della Commissione di farsi portavoce dell'opposizione dell'Unione Europea a queste leggi.

Dopo gli Stati Uniti, quindi, anche l'Unione Europea prende posizione ufficialmente contro una legge liberticida che contrasta con i più elementari diritti dell'uomo.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: