Per l’attore Benedict Cumberbatch è ora che gli USA abbiano un presidente gay

Senza peli sulla lingua, Benedict Cumberbatch individua nell’estrema destra cristiana statunitense una delle più grandi contraddizioni dell’idea di “libertà”

L’attore inglese Benedict Cumberbatch è in tour per promuovere il film The Imitation Game, in cui interpreta Alan Turing, il genio matematico che ha contribuito in maniera fondamentale alla sconfitta del nazismo, salvando migliaia di vite grazie alla decrittazione del codice segreto di comunicazione dell’esercito tedesco e che poi è stato perseguitato dalla sua patria perché omosessuale. Cumberbatch ha rilasciato un’intervista a The Daily Beast in cui paragona l’infamia della castrazione chimica a cui fu sottoposto Alan Turing alle ben note “terapia riparative” difese a spada tratta dagli omofobi più recalcitranti. Ha affermato l’attore:

Questo è quel che succede nell’America del Nord, con l’estrema destra cristiana. Ci sono corsi, medici e medicine che si somministrano alle persone per “curarle” dalla loro omosessualità. Ed è sorprendente che questo accada nel 2014. Come sorprende il fatto che non appena c’è qualche difficoltà, le minoranze diventano immediatamente capri espiatori.

Benedict Cumberbatch

Per smetterla con l’omofobia dell’estrema destra cristiana, secondo Benedict Cumberbatch è necessario rammentare le parole di America Is Not the World di Morrisey (video in apertura di post), in cui si mette in discussione l’idea che l’America sia un paese così libero come sostiene di essere, che sia una terra di giustizia, che sia un paese in cui il presidente “mai è un nero, una donna o un gay”. Commenta Benedict Cumberbatch:

Si tratta di una vecchia canzone, risalente a prima che Barack Obama diventasse presidente. Quindi ora un nero c’è stato e c’è bisogno che gli Stati Uniti eleggano una donna e poi un omosessuale

(Anche se Joan Rivers, recentemente scomparsa, ebbe a dire che Obama è gay, quindi manca solo la presidente donna)

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail