Una Miss Italia trans in futuro? Patrizia Mirigliani è possibilista

Secondo Patrizia Mirigliani, patron di Miss Italia, in un futuro – non prossimo – il concorso di bellezza potrebbe aprire anche alle donne transessuali

Miss Italia un domani potrebbe essere una transessuale? Patrizia Mirigliani, patron del concorso, non lo esclude ma non lo dà nemmeno per certo in un futuro prossimo. Come ricorderete la questione è scoppiata perché Vladimir Luxuria si è rifiutata di essere giurata al concorso visto che, per regolamento, possono gareggiare per il titolo di Miss Italia solo le donne nate tali.

In vista della partenza del concorso 2014 (su La7 dall'11 al 14 settembre), nel corso della conferenza stampa, una giornalista ha chiesto esplicitamente a Patrizia Mirigliani: “Dopo le polemiche di Luxuria, sarà possibile vedere partecipanti trans a Miss Italia?'”.

Miss Italia 2014

La risposta di Mirigliani è stata molto chiara. Anzitutto ha guardato alla situazione attuale:

Il regolamento per il momento prevede che la Miss sia donna dalla nascita. È un regolamento che è stato fatto tanti e tanti anni fa: chiaramente la società sta cambiando per cui potrebbe in futuro cambiare anche questa regola.

Poi ha precisato l’arco temporale, sottolineando che un tale cambiamento non avverrà “nell’immediato futuro”. Ha spiegato Patrizia Mirigliani:

Noi non è che cambiamo le carte in tavola: percepiamo quel che la società ala fine ci chiede, come è stato per le straniere, come è stato con le trentenni. Se un domani noi vedessimo che un domani questa è una realtà da considerare sicuramente la prenderemo in considerazione.

Certo, è un passo in avanti, piccolo, ma pur sempre un passo in avanti: si inizia a prendere in considerazione la possibilità che un domani una Miss Italia possa essere anche non nata donna. Intanto magari potrebbe succedere che qualche Miss si dichiari lesbica, come è accaduto all’estero.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: