Vladimir Luxuria: "Spero che nessun bambino venga abbandonato come è successo alla vostra Giorgia Meloni"

Dura risposta di Vladimir Luxuria alla campagna anti-gay messa in atto da Giorgia Meloni e dal suo partito

vladimir luxuria

Risposta colma di risentimento, quella di Vladimir Luxuria, non giustificabile, certo, ma neanche condannabile, visto che Giorgia Meloni e Fratelli d'Italia hanno praticamente iniziato una campagna denigratoria nei confronti del mondo LGBT (una delle tante, del resto, non essendo la prima volta che succedono episodi simili, e questo lo sapete bene). Ma procediamo con ordine.

Alla domanda di Luigi Bruschi

"@vladiluxuria Cosa ne pensa dell'ultima campagna di @FratellidItaIia?"

su Twitter Vladimir Luxuria ha risposto così:

"Spero che nessun bambino venga abbandonato da un padre a 12 anni come è successo alla vostra Giorgia Meloni".

Non è stata un'uscita felicissima, diciamocelo, anche perché nel nostro clima politico la Meloni non è certo il male assoluto, con i Gasparri e le Bindi e tutto il resto delle facce che abbiamo visto e continuiamo a vedere in televisione e forse nelle aule parlamentari. Criticare Vladimir come molti hanno fatto, però, è decisamente esagerato, visto che da anni le nostre lotte si risolvono con promesse non mantenute, insulti e offese della peggior specie e chi più ne ha più ne metta.

"Vladimir Luxuria - queste, le parole di Ignazio La Russa - che conosco e ho sempre rispettato, farebbe onore a se stessa se si scusasse con Giorgia Meloni e cercasse un chiarimento. Pronto a favorirlo".

"Inqualificabile Luxuria - ha proseguito Fabio Rampelli, capogruppo Fdi alla Camera -. E questo personaggio potrebbe diventare una madre... Tutta la nostra solidarietà a Giorgia Meloni, attaccata con virulenza e spietatezza dal signor Wladimiro Guadagno".


Barbara Saltamartini del Nuovo Centrodestra non ha usato toni meno duri:

"Ignobile utilizzo vita privata per attaccare Meloni. Luxuria si vergogni. Giorgia #iostoconte insieme per dire No #adozioni gay".

Luxuria ha pure risposto alle polemiche

, e lo ha fatto con grande stile:

"Non ho offeso chi è stato abbandonato – spiega - ma ho accusato CHI ha abbandonato. Voi dovreste invece chiedere scusa ai gay e lesbiche con figli! Ho toccato il vostro nervo scoperto: cioè – conclude - che non è vero che basta essere etero per essere buoni genitori!".

Staremo a vedere le controrisposte in questo circo mediatico che ormai non è più interessante neanche per i gossippari più accaniti.

Via | Rainews.it

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: