Fratelli d'Italia, contro le adozioni gay, usa una foto di Oliviero Toscani senza permesso

Il fotografo minaccia denunce per l'utilizzo senza permesso del suo scatto

Nella giornata di ieri, Twitter e Facebook vedevano -in alcuni profili- la condivisione di uno scatto che mostrava due presunte coppie omosessuali -composte da due donne e due uomini- con in mezzo a loro un neonato. E sotto, la scritta

No alle adozioni per i gay. Difendiamo il diritto dei bambini ad avere un papà e una mamma.

Insieme a coloro che diffondevano questa immagini, erano sempre più coloro che si indignavano per la scelta di Fratelli d'Italia nell'aver creato questo messaggio e slogan. Ma, qualcuno, soprattutto, ha iniziato a chiedersi il motivo dell'utilizzo della foto scattata da Oliviero Toscani. C'è anche chi si è chiesto se il diretto interessato ne sapeva qualcosa di tutto questo. E la risposta volete sapere qual è stata? No. L'autore della foto utilizzata per questo messaggio veicolato era all'oscuro di tutto. E, via Twitter, si è giustamente indignato e ha minacciato reazioni più che condivisibili:

Ma cosa salta in testa a @FratellidItaIia di usare una mia fotografia per una cosa del genere? Verranno denunciati

In breve tempo, questo messaggio è stato retwittato oltre mille volte. A quel punto, il responsabile comunicazione di Fratelli d'Italia ha così replicato alle polemiche nate:

Gentile Oliviero Toscani, la foto in questione è stata presa dal web da una nostra realtà locale ma non è un'iniziativa ufficiale. I ragazzi l'hanno usata perché non aveva il copyright indicato e pertanto considerata di pubblico dominio. Abbiamo dato indicazione di sostituirla. Nel merito, ci scusiamo per l'accaduto perché rispettiamo il diritto d'autore

toscani

E proprio l'esponente del Partito, Carlo Fidanza, ha poi aggiunto di essere rimasto amareggiato per le offese ricevute dopo la creazione di questo banner omofobo:

Restano tutte le ragioni di una campagna che è partita prima dell'estate e che certo non rinnego. L'unica cosa davvero spiacevole è che ho ricevuto minacce di morte, anche sulla mia mail. Mi ha spaventato il livello di intolleranza da parte di chi lamenta di essere discriminato come anche il fatto che non si possa discutere di questi temi senza essere minacciato o offeso.

Ha provato il fastidio dell'intolleranza e delle minacce. Una cosa giustamente insopportabile che, però, spesso i gay vivono molto più spesso e senza alcun motivo a scaturire il tutto se non quello di essere omosessuale...

Via | Corriere

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: