Aux armes, Ségolène

Ségolène ce l'ha fatta e al ballottaggio del 6 maggio, forte di oltre 9 milioni e mezzo di voti, affronterà il campione della destra francese Nicolas Sarkozy.

Per quanto mi riguarda (e per quel poco che vi interessa) sono schierato totalemente dalla sua parte, innanzitutto perché l'occasione di avere a capo della Francia una nuova Madame Royal è imperdibile. E poi per le posizioni sue e del suo partito, quello socialista, per quanto riguarda i diritti delle persone lgbt. Per saperne di più, andate a leggere il blog di Gabriele, Querelle, con un profilo esauriente di tutti i candidati a queste presidenziali.

Voi, intanto, andatevi a vedere il discorso di ieri sera di Ségolène e provate a non emozionarvi.
"Io sarò una Presidente garante di uno stato imparziale. Perché, voi lo sapete, io sono una donna libera come voi siete un popolo libero... Venite, uomini e donne di Francia. Venite, forze vive della nostra bella nazione. Venite, serriamo le fila: Insieme restituiremo il sorriso alla nostra bella nazione".

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: