Violet Palmer, prima donna arbitro della NBA, ha sposato la compagna

Violet Palmer è nota a tutti gli appassionati della pallacanestro per essere arbitro della NBA dal 1997

Forse, di primo acchito, il nome di Violet Palmer non ci dice molto, ma se consideriamo che è la prima donna arbitro della NBA le cose cambiano. Dal 1997, infatti, lavora per la principale lega professionistica di pallacanestro degli Stati Uniti d'America e continua brillantemente la sua carriere. Certo, non sono mancate difficoltà, come lei stessa riconosce, per il fatto che molte volte non la prendevano sul serio, soprattutto agli inizi della sua carriera quando era molto difficile vedere una donna a tali livelli nello sporto.

Senza perdersi di coraggio, Violet ha dimostrato che non ha nulla da invidiare ai colleghi uomini ed è sempre andata avanti con professionalità e serietà. Si consideri anche che Violet Palmer ha arbitrato partite del playoff, ai massimi livelli della sua professione (citiamo Wikipedia: “Gli NBA Playoffs sono parte del campionato relativo all'NBA. Questa competizione consiste in quattro round tra sedici squadre della Eastern Conference e della Western Conference. I playoff si compongono nei quarti di finale, semifinale e finale di Conference. Infine, i vincitori di ciascuna finale della propria conference, si scontra con l'altra vincitrice nella NBA Finals”). Essere arbitri della National Basketball Association non è per niente facile e Violet Palmer si è guadagnata il rispetto di tutti.

In ogni caso, ne parliamo su Queerblog, non perché lei è arbitro della NBA ma per via delle sue nozze: nei giorni scorsi Violet Palmer, infatti, ha sposato Tanya Stine, sua compagna di lungo corso, e le due donne hanno così suggellato venti anni di vita insieme. Violet e Tanya si sono conosciute molti anni fa e fin dal primo momento è scattato il colpo di fulmine a vicenda.

Auguri alle spose!

Violet Palmer, prima donna arbitro della NBA

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail