Anna Paola Concia sui diritti LGBT: "Qualche mese in più non è un sacrificio insostenibile"

Anna Paola Concia confida in Matteo Renzi e nelle sue promesse alla comunità LGBT

anna paola concia e ricarda

L'intervista di Tagli a Anna Paola Concia non è incentrata sui diritti civili, ma a questi sono riservate alcune domande, che vogliamo riproporvi in parte, essendo stata, lei, uno dei personaggi di riferimento della comunità LGBT italiana in tutti questi anni; parliamo al passato, perché adesso la Concia sta per iniziare una nuova vita in Germania con la sua compagna e dubitiamo - come lei stessa ha dichiarato - avrà molto tempo per gay e lesbiche.

Non siamo molto d'accordo, a dire il vero, con quanto ha dichiarato, ma non si tratta neanche di opinioni contestabilissime. La domanda della redazione era questa:

"So di aprire un capitolo delicato: ritieni soddisfacente l'impegno di Matteo Renzi sui diritti civili? Le critiche sul tema da parte di attivisti e non sono numerose: gli rimproverano di non essersi speso come promesso".

Domanda chiara, giusta e ovviamente condivisibile. Veniamo alla risposta:

"Apprezzo molto il pragmatismo di Renzi in materia: non è ideologico, e questo è fondamentale. È la molla che ha mosso tutti i veri riformisti, di destra e di sinistra. Renzi ha detto di voler prendere ispirazione dal modello tedesco, e questo non è un caso: la Germania è un paese molto molto pragmatico. Attendere qualche mese in più, dopo vent’anni che aspettiamo non mi pare sia una sacrificio insostenibile".

Detta così, è impossibile darle torto. Letta in un altro modo, però, e guardando i fatti, non possiamo che dissentire; sono appunto venti anni che aspettiamo che qualcuno si muova, tra illusioni, finzioni e ipocrisia, e Matteo Renzi, rimandando a data da destinarsi queste riforme, non fa altro che confermare l'opinione di coloro che vorrebbero prima risolti i problemi economici e poi quelli sociali, senza pensare che le due questioni non sono esclusive né incompatibili.

Non c'è una data fissa, la minaccia delle elezioni anticipate è sempre più incombente e la crisi sta attanagliando la nostra Penisola: altro che aspettare qualche mese in più... state certi che non vedremo riconosciuto uno straccio di diritto per i prossimi anni!

Via | Tagli.me

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: