Gay e sport: i coming out del 2014

Sempre più sportivi e sportive fanno coming out: ecco un riassunto di quelli del 2014, fino a ora.

Il sofferto coming out di Ian Thorpe, giunto dopo anni in cui lo sportivo aveva fatto di tutto per nascondere il suo orientamento sessuale tanto da cadere in depressione – come egli stesso ha affermato –, mette in evidenza quanto stia cambiando il mondo dello sport. Ci sono sempre più sportivi e sportive, infatti, che decidono di dichiararsi pubblicamente gay e lesbiche e questo 2014 lo dimostra.

Certo, diversi sportivi fanno coming out dopo che hanno lasciato la carriera, ma, come abbiamo sempre ripetuto su Queerblog, le tappe del percorso per dirsi omosessuale sono diverse da persona a persona e non si può giudicare dall’esterno. Dimostrazione di questo cammino è la leggenda del wrestling Pat Patterson che ha deciso di fare coming out a 73 anni.

Tra gli sportivi che hanno fatto coming out quest’anno ricordiamo l’ex calciatore Thomas Hitzlsperger e anche il calciatore Liam Davis. Particolarmente emotivo il coming out dei calciatori Conner Mertens e Chandler Whitney che hanno anche annunciato di formare una coppia nella vita. Stanca di vivere una menzogna, poi, Casey Stone, capitana della nazionale inglese di calcio femminile, si è dichiarata lesbica. A proposito di coming out femminili, ricordiamo quello di Nicole Bonamino, giocatrice di hockey in-line, prima sportiva italiana in attività a dichiararsi lesbica. Sempre nel mondo dell’hockey si è detta lesbica Charline Labonté, campionessa olimpica in questo sport.

Ian Thorpe

Ha fatto molto discutere il coming out di Michael Sam, campione di football americano. Nello stesso sport si è dichiarato gay anche Marcus Juhlin.

Ricordiamo ancora Derrick Gordon, giocatore di pallacanestro nella squadra dell'Università del Massachusetts, che ha parlato apertamente del proprio orientamento sessuale. Anche l’atleta olimpico canadese di slittino John Fennell ha fatto coming out e si è dichiarato gay.

Il mondo del nuoto pare che sia particolarmente propenso al coming out: oltre a Ian Thorpe segnaliamo il tuffatore Ian Matos, il nuotatore olimpico Ari-Pekka Liukkonen che ha anche puntato il dito contro l’omofobia della Russia. Ricordiamo anche Tom Daley che lo scorso aprile ha fatto una sorta di secondo coming out, specificando di essere gay e non bisessuale come aveva detto in precedenza.

Un altro coming out c’è stato nel mondo della pallavolo con Chris Voth che si è dichiarato gay e anche Conor Cusack, giocatore irlandese di hurling, ha dichiarato di essere attratto dagli uomini.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail