Ian McKellen: "Alec Guinness mi aveva suggerito di non farmi coinvolgere dal movimento gay"

L'attore ha ricordato un consiglio non richiesto da parte del collega

Ian McKellen ha ricordato, in una recente intervista, di un consiglio ottenuto- senza averlo richiesto- da parte del collega Alec Guinnes, il celebre Obi-Wan Kenobi nella serie Star Wars. E' scomparso nel 2000, ad 86 anni.

Pochi giorni fa, McKellen ha citato il collega in un passaggio decisamente sgradevole risalente a molti anni fa:

"Alec Guinness mi ha portato fuori a pranzo e mi ha detto: 'Tu non dovresti davvero, come attore principale, avere nulla a che fare con niente di politico, soprattutto con qualcosa di sporco come l'omosessualità. Ti prego, non farlo"

Guinness - sposato e con un figlio- era stato arrestato e multato nel 1946 quando era stato coinvolto in un atto omosessuale in un gabinetto pubblico.

Quello che i moti di Stonewall hanno insegnato è che se volete qualcosa di fatto, dovete farlo voi stessi da soli. Non si può contare su nessun altro.

"Anche il regista Derek Jarman non era molto contento di me quando ho fatto coming out."

Ian McKellen

Qualche tempo fa, l'attore aveva ammesso l'importanza di aver rivelato al mondo la sua omosessualità:

"Quando ero giovane non c’era alcun Graham Norton in televisione [comico e presentatore tv gay dichiarato, ndr], non c’erano parlamentari gay, nessuno parlava dei diritti gay nelle radio. Così ho affrontato la questione cercando di amputare quella parte di me stesso, nascondendo, strangolando una parte di me. Quando ti fanno capire che sei sbagliato per quello che provi, è così che ti comporti. Credo che per questo motivo ci sono tanti buoni attori britannici che sono gay… Abbiamo trascorso tanto tempo fingendo di essere etero, di essere quello che non siamo che alla fine siamo diventati molto bravi a fare gli attori"

Via | PinkNews

  • shares
  • Mail