Gianni Morandi smentisce l'omosessualità di Lucio Dalla?

Il cantante, amico di Lucio Dalla, rilascia un commento in un'intervista a Diva e Donna

Gianni Morandi e il successo costante. Il cantante continua ad ottenere successi televisivi e anche a livello musicale. Concerti spesso sold out, live trasmessi in tv che ottengono un grande share e due Festival di Sanremo presentati con grande successo negli ultimi anni. E, in una recente intervista su Diva e Donna, Morandi ammette di sentirsi soddisfatto e sereno ma di essere stato anche fortunato:

È come se avessi vissuto tre o quattro vite. A sedici anni già lavoravo con trentenni come Migliacci e Morricone. Ho inciso seicento canzoni, fatto quattromila concerti. E poi la televisione, il cinema, i viaggi, le città, il mondo... Oggi vedo filmati di quaranta, cinquant'anni fa e mi dico: "Non sono io questo". Poi mi torna in mente tutto, la confusione che mi girava attorno, mi ricordo di quando ho smesso di cantare. Il buio, poi ancora la luce. Sono sereno. Ho avuto talmente tanto che non voglio essere esagerato fino in fondo. Penso anche che ci siano tanti più bravi di me, con più talento...potrei dire che sono nato con la camicia!

morandi

Dopo questo bilancio, scatta in automatico una domanda sul suo grande amico scomparso, Lucio Dalla:

Un amico. Ci siamo conosciuti nel '63. All'inizio lui faceva fatica, per me invece era tutto facile. Poi le cose si sono capovolte. Io sparito di scena, lui il numero uno. Ma sempre restando amici. Lucio mi esortava a tornare a cantare.

E alla domanda sul pettegolezzo di una presunta passione di Dalla per lui (di cui io non ricordavo affatto... ndb), Morandi si infiamma:

Non lo tengo neanche in considerazione. Quando l'ho conosciuto, Lucio mi ha presentato delle ragazze che erano le sue compagne. Mai avuto questa sensazione. Mi fa incazzare pensare che qualcuno lo abbia definito in quel modo. Lucio era tutt'altro. Ma non voglio parlare di questo.

Definito in quel modo. Gianni starà parlando dell'amicizia diventata stupido gossip su una possibile passione nei suoi confronti, oppure "definito omosessuale". Perché se fosse la seconda opzione - e voglio dare il beneficio del dubbio – bisognerebbe iniziare a capire che non è un insulto. Né un'offesa...

  • shares
  • Mail