Ethan Hawke: "Nella nuova generazione c'è quasi zero omofobia"

Una visione molto ottimista per l'attore. Forse troppo?

Ethan Hawke è convinto che la nuova generazione -quella degli adolescenti di oggi- sia decisamente molto più gayfriendly rispetto al passato. E avrebbe anche trovato una tesi a suffragio della sua idea: il grande supporto della società dei media, sempre più aperti all'argomento e quindi, automaticamente, meno tabù per le persone.

Il punto di riferimento per arrivare a questa conclusione è essere stato adolescente diversi anni fa e accorgersi di come, i ragazzini di oggi, siano decisamente meno colpiti dall'omosessualità rappresentata sullo schermo. Al Toronto Star ha infatti rivelato:

2014 Tony Awards - Arrivals

"E 'stato affascinante per me. Una delle maggiori differenze che penso ci sia tra la mia generazione e quella dei miei figli è che hanno quasi zero omofobia. Sono cresciuti pensando che non è un grosso problema avere personaggi gay in TV o nei film come Boys Don't Cry o Kiss of the Spider Woman"

Questo suo ottimismo lo porta a vedere anche un cambiamento imminente a livello di accettazione e di minori casi di suicidio in ambito giovanile:

"Ci sono tutte queste cose che sono iniziate con questa accettazione gay e ora la gente è davvero tranquilla a parlarne. Penso che vedremo molti meno suicidi degli adolescenti nei prossimi anni. Ne sono davvero convinto"

Che col passare degli anni il tema dell'omosessualità sia un argomento molto più discusso siamo d'accordo. Il problema è che dipende sempre come questo viene trattato. Purtroppo, se la situazione sembra essere migliore, sono sempre ancora troppo alti i casi di suicidi e di pestaggio di cui sentiamo parlare. E anche in quel caso, spesso ad esserne vittima sono proprio i giovani vittime di bullismo. Adolescenti. Omofobi. Di quelli, caro Ethan, ce ne sono ancora tanti.

  • shares
  • Mail