Francis Bacon, l'arte e gli amori

Pittori tra i più celebri e celebrati della seconda metà del Novecento, Francis Bacon visse piuttosto spavaldamente la sua omosessualità, legandosi prima al tormentato ed infelice George Dyer, poi a John Edwards che nel 1992, anno di morte dell'artista, ereditò buona parte del suo ingente patrimonio.

Francis Bacon (1906-1992) è stato uno dei grandi talenti della pittura della seconda metà del Novecento. Dopo un inizio incerto, una giovinezza durante la quale, insicuro di sé, dipinse solo a tratti, preferendo dedicarsi a lavori occasionali e più remunerativi, il pittore si impose definitivamente all'attenzione del mondo dell'arte nel 1944 con un trittico "Three Studies for Figures at the Base of a Crucifixion". La sua visione desolata dell'esistenza, le sue figure umane chiuse spesso e volentieri in gabbie, in strutture geometriche (e non ultima la serie dei Papi urlanti creata negli anni Cinquanta) diventarono simboli di una concezione straziata della realtà vissuta dall'uomo.

Apertamente, spavaldamente gay, Francis Bacon ebbe sempre relazioni tribolate, prima con un uomini più grandi (ed alcuni anche violenti), poi con giovani , spesso scapestrati, che l'artista immancabilmente prendeva sotto la sua ala protettrice. La più celebre di queste storie d'amore rimane in tutta probabilità quella con George Dyer, un ladro che il pittore sorprese in flagranza di reato (ovviamente nella sua casa di Londra) nel 1964. Un incontro da film noir che durò diversi anni fino al suicidio del giovane a Parigi nell'ottobre del 1971. Una scomparsa drammatica che sconvolse il pittore.

francis-bacon-1

Solo nel 1974 Francis Bacon si risollevò dal shock grazie all'incontro con John Edwards che fu anche l'ultimo grande amore dell'artista. A lui l'uomo lasciò nel 1992 buona parte del suo patrimonio. Patrimonio valutato quasi 15 milioni di euro.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail