Matrimoni gay, cattolici dicono "sì" a Papa Francesco: questionario del Vaticano sorprendente

Sì a matrimoni gay (e non solo): lo dicono i cattolici di ben sei stati a Papa Francesco

Ricorderete senz'altro la volontà del Papa di somministrare un questionario sui principali temi etici del XXI secolo a tutte le famiglie, cattoliche e non: tale questionario è stato inviato in tutto il mondo e, al momento, ha ricevuto le risposte di Austria, Belgio, Francia, Germania, Giappone e Svizzera. Cosa è emerso? Per fortuna, e nonostante gli ultimi episodi di omofobia accaduti nel mondo, risposte assolutamente positive: a Bergoglio tutti hanno chiesto a gran voce di accettare e regolare matrimoni gay, rapporti pre-matrimoniali e, soprattutto, l'aborto (che è senz'altro una questione più spinosa).

Di questi temi sarà proprio il Vaticano a parlare in vista del sinodo dei vescovi che si terrà il prossimo ottobre: cosa emergerà non lo sappiamo; fatto sta che i vescovi avranno parecchio da discutere e non poco di cui meravigliarsi, visto che pure i cattolici si sono schierati contro alcuni principi-base della Chiesa: non crediamo che questo cambierà l'atteggiamento delle gerarchie; sarebbe assurdo, d'altronde, visto che, se di dottrina e leggi si parla, non possono essere certo messe in discussione da chi dovrebbe rispettarle.

Scopri cosa pensa Papa Francesco dei gay!

L'opinione dei singoli paesi


PAPA FRANCESCO PREGA

Ma vediamo i dati principali: la Germania ha detto sì a rapporti prematrimoniali, divorziati risposati, controllo delle nascite e omosessualità; i cattolici, infatti, credono sia importante che tutti i tipi di unione vengano regolarizzati; stessa posizione è emersa in Austria, dove si è posto l'accento sul fallimento delle politiche ecclesiastiche in merito alle famiglie; in Svizzera è altissimo il rifiuto della dottrina ecclesistica, con un 90% che chiede a gran voce la benedizione delle coppie risposate; in Francia era ovviamente prevedibile un'opposizione alle leggi del Vaticano: nonostante gli homovox, gran parte dei cattolici si è schierata a favore dei matrimoni gay e contro il divieto di abortire; ancora buone notizie dal Belgio, che chiede la regolamentazione delle relazioni gay con una legislazione più stabile.

Aspettiamo con ansia, a questo punto, il sinodo di ottobre.

Via | Il Fatto Quotidiano

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: