Dieci hotel gay friendly in giro per il mondo

Una selezione di dieci hotel gay friendly sparsi in ogni parte del globo. Da provare.


Quando si parte per una vacanza, uno dei crucci di molte persone LGBT è quello di trovare un hotel friendly per poter vivere serenamente e in pieno relax i giorni di riposo. Di offerte ce ne sono diverse in giro per il mondo: alcune sono interessanti, altre a volte, purtroppo, si rivelano un po’ scadenti.

Come orientarsi, allora? In occasione del mese dell’orgoglio gay – giugno, come ben sappiamo – Trivago ha realizzato una selezione di dieci hotel vicini alla comunità lesbica, gay, bisessuale e transessuale e lontani da ogni forma di pregiudizio. La selezione operata da Trivago prende in esame anche la nostra Italia (almeno una volta tanto non siamo ultimi!).

Ecco la lista di dieci hotel gay friendly in giro per il mondo: non c’è un ordine dal primo all’ultimo e noi ve li proponiamo alfabeticamente per città.

10 hotel gay friendly: Amsterdam, Jl no 76


Ecco i ventidue paesi in cui NON andare se si è LGBT.


  • Amsterdam: chi ama il gusto dei dettagli può scegliere il Jl no 76, che si differenzia da tutti gli hotel gay friendly della capitale olandese collocando opere d’arte moderna nelle stanze.

  • Barcellona: Axel Hotel, permette di rilassarsi in una SPA di cinquecento metri quadrati, immergendosi inoltre nella pulsante scena LGBT della città catalana.

  • Cairns (Australia): Turtle Cove Resort, tra spiagge deserte e immersioni nella barriera corallina.

  • Miami: al Lords South Beach gli ospiti troveranno la vera essenza omosex della città: il complesso alberghiero sorge infatti infatti a pochi passi da South Beach, uno dei quartieri LGBT più grandi del mondo.

  • Mykonos: è consigliato l’Elysium, un hotel dal carattere sfrenato dove nulla è lasciato all’immaginazione, soprattutto durante le lussuriose feste sulla terrazza dell’hotel.

  • New York: The Out NYC, hotel elegante e avveniristico.

  • Roma: hotel Indigo accoglie le coppie omosessuali in un ambiente squisitamente romantico con camere arredate in stile anni ’60 e immagini felliniane alle pareti.

  • Sorrento: lo spirito gay friendly si vive soprattutto all’Espridi Resort. Una struttura che affascina con il suo immenso parco ricco di agrumeti affacciato su un panorama mozzafiato.

  • Stoccolma: quanti cercano l’eleganza troveranno una città totalmente e apertamente gay friendly e il consiglio è di andare al Nobis, che ammalia i visitatori accogliendoli in una sofisticata lounge dove incontrare e conoscere ospiti da tutto il mondo.

  • Tel Aviv: Brown Hotel, elegantemente e orgogliosamente gay friendly.

A corto di idee per la prossima estate? Leggi i consigli di Travelblog!

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail