Ronald Reagan era preoccupato che suo figlio fosse gay perché amava il balletto

L'ex Presidente temeva che il figlio potesse essere omosessuale per la sua passione verso il ballo


Ronald Reagan temeva che il figlio potesse essere gay
. L'ex Presidente non aveva particolarmente preso bene la decisione del figlio di lasciare l'Università di Yale per seguire la sua passione sfrenata per il balletto, cercando una carriera in quel mondo. Una sorta di Billy Elliot 2.0...

Il politico, repubblicano, fu in carica dal 1981 al 1989, e aveva chiamato diversi amici per discutere con loro le sue preoccupazioni in merito alla decisione del figlio. Lasciò la Yale University nel 1976 al fine di perseguire una carriera di ballerino.

Ronald Reagan

A rivelare questa indiscrezione è stato Christopher Buckley, il figlio di William F Buckley. L'uomo ha rivelato che suo padre aveva spesso parlato, in prima persona, con il presidente proprio per mettere a confronto le sue paure:

"Mio padre e Reagan erano amici, mio padre si era sempre comportato come una sorta di padrino con i figli di Reagan. Azzardò che non tutte le persone coinvolte in questo settore possono essere gay e, naturalmente, ora sappiamo che Ron non è gay"

Ron ha visioni liberali rispetto al padre, è ateo ed è molto critico nei confronti di altri presidenti repubblicani, in primi George W Bush. Infine, ha anche rivelato di essere certo che i genitori siano andati a vedere Ron solo in occasione della sua esibizione al Met.

Via | GayStarNews

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail