Gay Pride Roma 2014, Nichi Vendola e il fidanzato Ed in posa per "Ci vediamo fuori"

Nichi Vendola e il compagno Ed hanno posato per il Roma Pride 2014

nichi vendola ed gaypride 2014

Ancora una volta, Nichi Vendola ci mette la faccia, e lo fa con il suo compagno Ed, in una Italia, quella dei giorni nostri, che "ha ben altro a cui pensare" - come direbbe qualcuno - che al Gay Pride di Roma di questo difficile 2014; peccato che la crisi del nostro paese non sia soltanto economica, ma anche sociale, essendo tra i pochi a non garantire uno straccio di diritto alle coppie gay, in una Europa che continua ad andare giustamente avanti: lo sa bene il governatore della Puglia, leader di SEL, che ha posato con il suo Ed per "Ci vediamo fuori", questo il motto del Pride di quest'anno.

L'organizzazione del Pride ha diffuso la foto che vedete come copertina di questo articolo sui social network e non ha mancato di lodare l'operato pluriennale di Vendola a favore della causa LGBT, un impegno nient'affatto scontato, visto che sono parecchi i personaggi gay famosi che non hanno fatto nulla, pur essendo molto conosciuti e influenti (non chiedeteci di fare i nomi, perché sapete bene a chi ci riferiamo).

In questi 20 anni Nichi è stato al Pride più volte - si legge nel comunicato stampa - sfilando con migliaia di persone che chiedevano esattamente quello che chiedeva lui; perché quando si tratta di discriminazioni l’Italia non fa sconti neanche a chi ricopre un incarico istituzionale. [...] Ed gli è sempre stato accanto nel privato. In pubblico no: per anni ha cercato di difendere la riservatezza della loro storia d’amore. Poi un giorno ha capito che se l’uomo che ami è un personaggio pubblico, tutelare la privacy in tutto e per tutto vuol dire doversi nascondere. E di nascondersi, non aveva più alcuna intenzione; [...] da quel momento, ogni volta che ha potuto, è stato al suo fianco. Senza più remore. A viso aperto.


Scopri il pensiero di Alfonso Signorini su Vladimir Putin

Un Pride "a viso aperto"


Vent'anni di Roma Pride, a viso aperto: campagna social e video

Ed è proprio a viso aperto, alla faccia di tutti gli omofobi che pullulano nel nostro paese e ne macchiano la reputazione agli occhi del mondo, partendo da qualche stato vicino a Roma, che noi sfileremo il 7 giugno. Buon Pride a tutti, anche a chi non potrà esserci fisicamente.

Scandalo ONU: ministro ugandese omofobo diventerà presidente!

  • shares
  • Mail