Benvenuti in Lombardia, la regione dove gli omosessuali non hanno diritti…

Tutta colpa del sistema binario. Ci sono persone abituate a pensare considerando diversi fattori (generalmente più di due) ed altre per le quali una cosa esclude necessariamente l’altra.

Ogni riferimento a Roberto Alboni, esponente di AN primo firmatario di una proposta per tutelare le famiglie “tradizionali” lombarde, è puramente casuale.

Il pensiero omofobo dell’esponente del partito di Gianfranco Fini (nonché di un certo Piergianni Prosperini, che per eliminare gli omosessuali propose qualche giorno fa la garotta) è stato prontamente avvallato dal Consiglio Regionale lombardo che con 32 voti favorevoli, 17 contrari e 1 astenuto ha stabilito che la Giunta regionale dovrà ipotizzare nei prossimi mesi nuovi leggi per tutelare le famiglie tradizionali eterosessuali.

Alcune considerazioni su quanto sta accadendo in Lombardia sono d’obbligo.

Roma, caro il mio Umbertone Bossi, sarà stata anche ladrona. I fatti però parlano molto chiaro. Le amministrazioni regionali che stanno tutelando gli omosessuali sono tutte (o quasi sotto il Po). Milano sarà anche una delle capitali economiche dell’Europa, peccato sapere che risparmia anche in settori nei quali servono più fondi o quantomeno attenzioni.

Alle scorse elezioni comunali qualcuno avrà sicuramente letto, con Letizia Moratti si è schierato anche un certo Francesco Italia, dichiaratamente gay. Ora. Non voglio disquisire sul credo politico del soggetto (neanche delle sue liaison con Stefano Gabbana). Una risposta però vorrei averla. Come omosessuali non vi sentite offesi (tu e gli altri, come ad esempio i sostenitori di Gay Lib)?! I gay e lesbiche che hanno votato a sinistra perlomeno non avuto la vostra ipocrisia, la scorsa manifestazione per la laicità dello Stato credo ne sia una prova.

Se i miei pensieri critici non vi bastassero, vi consiglio di leggere anche l’intervista a Lorenzo Lupoli (presidente di Arcigay Cremona) che insieme ad altri esponenti omosessuali ha protestato pubblicamente contro il recente provvedimento della Regione.

Fonte: yahoo.com

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: