In Argentina il primo battesimo per la figlia di una coppia lesbica

Secondo fonti ecclesiastiche, questo battesimo è possibile perché a Roma c’è papa Francesco che ha un nuovo modo di vedere la chiesa.

Sabato 5 aprile 2014 la piccola Umma Azul verrà battezzata nella cattedrale di Córdoba, città nel centro dell’Argentina. Umma Azul è figlia di Soledad Ortiz e Karina Villaroel, coppia lesbica che si è sposata in Argentina. A fare da madrina alla piccola ci sarà la presidente dell’Argentina Cristina Fernández de Kirchner, oltre a un’altra madrina e anche a un padrino. La situazione è del tutto inedita e in molti in Argentina stanno borbottando, anche perché Karina, che non è la madre biologica di Umma Azul ha chiesto al corpo di polizia in cui lavora di vederle riconosciuto il permesso di maternità di quattro mesi.

Il battesimo sarà celebrato dal parroco Carlos Varas con la benedizione del vescovo Carlos Ñáñez. Stando ad alcune fonti ecclesiastiche questo battesimo è possibile perché Bergoglio è stato eletto papa. Da vescovo di Buenos Aires, infatti, papa Francesco si è sempre battuto per non escludere nessuno dal battesimo, a prescindere dalla situazione dei genitori. Commenta Javier Klajner, stretto collaboratore di Bergoglio quando era in Argentina:

Se un genitore chiede il battesimo per suo figlio, noi come facciamo? Non glielo diamo? Francesco dice che noi siamo ministri, non amministratori nel senso burocratico del termine. Nella mia parrocchia, qualsiasi giorno ci si può battezzare, in qualsiasi messa. Sarebbe da matti non farlo. Poi nessuno può venire a criticare e dire che la gente non si battezza, perché anche questa è una contraddizione.

In Argentina il primo battesimo per la figlia di una coppia lesbica

Secondo Klajner, Bergoglio perdeva le staffe non poco quando veniva a conoscenza che in qualche parrocchia, per una ragione qualsiasi, non si battezzava un bimbo o una bimba. E nel caso di mamme single, commentava:

Se ha lottato per avere il figlio, per non abortire, e poi noi non glielo battezziamo... Questa è una cultura che promuove immediatamente l’aborto: una mamma dice no all’aborto e quando vuole battezzarlo non ci riesce.

Via | Vatican Insider

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail