Gli "amanti nell'ombra" di James Dean

James Dean

La breve vita di James Dean, divo introverso e dal talento esagerato, è stata in questi ultimi anni oggetto di biografie e film. Cambiato il clima ad Hollywood, si è potuto finalmente affrontato senza falsa pruderie anche il tema della sua bisessualità. I riflettori per la prima volta sono stai puntati su Rogers Brackett, un pezzo grosso nell’ambiente della radio e della pubblicità che lo aiutò a sfondare nel mondo dello spettacolo e con il quale l’attore appena diciottenne condivise più di una semplice amicizia. Nei primi anni cinquanta i due si trasferirono addirittura a New York (allora importante centro radiofonico) dove James Dean iniziò a lavorare anche in teatro, accaparrandosi un ruolo nell’Immoralista di Andrè Gide, accanto all’astro del cinema francese Louis Jordan. Sempre a New York, l’attore cominciò a frequentare la ballerina Elizabeth Sheridan a cui promise di rompere con Brackett, ma convocato da Elia Kazan (che l’aveva ammirato a teatro) per La Valle dell’Eden, James Dean si trovò improvvisamente al centro dell’interesse di Hollywood e le promesse furono frettolosamente dimenticate.

La sua carriera del resto sembrava ormai guidata da uno sciame di stelle fulgide e benigne. La sua macchina super sportiva sfrecciava sulle strade della California, il suo nome era conosciuto in tutta America e nella sua vita, oltre ad Annamaria Pierangeli (che parlerà sempre di un rapporto intenso ma puro), si era affacciato Jack Simmons, un giovane attore di buone speranze (durante la lavorazione di Gioventù bruciata, i due iniziarono una convivenza saltuaria e discreta, tollerata dagli Studios). Ma l’ala del destino era ancora una volta pronta a cambiare direzione, quelle stesse stelle che erano apparse così benevoli d’improvviso si smarrirono ed un pomeriggio di settembre del 1955, la porsche di Dean si schiantò fatalmente contro un'altra auto sportiva. L’attore, appena ventiquattrenne, morì quasi sul colpo. Secondo alcuni referti medici, l'interprete del Gigante sopravvisse infatti solo 10 minuti al terribile schianto.

Via | Famousandgay

  • shares
  • Mail