Mata Hari, Natalie Barney ed il party dello scandalo

La danza di Mata Hari per il party lesbico della ricca Natalie Barney suscitò gran clamore in una Parigi ad un solo passo dalla guerra.

La vita di Mata Hari, la femme fatale che pagò con la vita l'amore per l'intrigo ed il denaro, ha ispirato nel corso degli decenni romanzieri e registi famosi, attrici e biografi titolatissimi. Il suo arresto come spia tedesca fu seguito da un processo sommario, ma clamoroso che mise soprattutto in luce la sua condotta di donna, considerata dai suoi contemporanei immorale se non addirittura debosciata. Poche dunque le prove effettive a suo carico, ma sufficienti perché in quegli anni tumultuosi venisse condannata a morte e fucilata dai francesi nell'ottobre del 1917.

La sua ascesa nel mondo dello spettacolo era iniziata solo dopo il divorzio dal marito, un ufficiale olandese stanziato in Oriente che, a quanto pare, alzava spesso e volentieri le mani. Tornata in Europa, Mata Hari conquistò Parigi, ballando danze esotiche e sensuali. Balli che, in breve tempo, divennero la chiacchiera di tutta la città, mentre uomini ricchi ed importanti di tutte le nazionalità si disputavano a colpi di orchidee e gioielli favolosi i suoi favori.

Mata_Hari-

Ma l'evento che suscitò forse maggiore scandalo fu l'interpretazione che Mata Hari fece di Lady Godiva per Natalie Barney ed il suo circolo di sole donne. Senza veli e coperta da lunghi e folti capelli, la futura spia, ignara del tragico destino che l' aspettava dietro l'angolo, incantò e “travolse” la Barney e tutte le sue ospiti.

  • shares
  • Mail