Bobby Montoya: a 7 anni si sente una bambina e gli scout non la vogliono. Poi però...

bobby montoya

In certe occasioni basta iniziare a provocare clamore per ottenere quello che, diversamente, non si riuscirebbe ad ottenere. E anche la storia di Bobby Montoya è un esempio di quello che ho appena accennato.

Dall'età di due anni, il bimbo si sente una femmina e i genitori hanno sempre supportato la sua natura. Ha i capelli lunghi, si muove, si atteggia e parla come una bambina. Ma se per la sua famiglia non è un problema, lo è, invece, per il gruppo Girl Scouts del Colorado. Bobby ha chiesto di potervi partecipare ma la risposta è stato un netto rifiuto. Poi la notizia è apparsa sui giornali, ha iniziato a far discutere ed ecco che, improvvisamente, la decisione è cambiata:

"Girl Scouts è un'organizzazione inclusiva e accettiamo tutte le ragazze. Se un bambino si identifica come una ragazza e la famiglia del bambino, la presenta come una ragazza, Girl Scouts of Colorado l'accoglie come una Girl Scout"

Una risposta politicamente perfetta. Forse troppo, visto la scelta iniziale...

Via | News.com
Foto | Cnn

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: