Aphra Behn, una scrittrice da romanzo

Scrittrice, drammaturga, poetessa e spia, la figura di Aphra Behn affascina e giganteggia come un'eroina da romanzo o, visti i tempi, da grande schermo.

Aphra Behn non solo fu la prima donna della storia a guadagnarsi pubblicamente il pane come scrittrice, scrivendo profusamente ed a 360 gradi, ma fu anche un'abile spia, in tempi tostissimi, per la monarchia inglese. Una vita avventurosa, ma avvolta ahimè nell'oscurità. Pochi sono i dettagli che si conoscono con sicurezza di questa donna impavida, oberata spesso dai debiti, ma che sapeva usare con intelligenza ed acume, vivacità e colore la penna. In breve, se dobbiamo dirla tutta, uno dei grandi ingegni letterari dell'Inghilterra seicentesca. Ingegno che amava, quasi sopra ogni altra cosa, scrivere di omosessualità maschile e femminile.

Del resto una delle sue relazioni più chiacchierate, dopo la morte del marito, fu con John Hoyle, un disinvolto londinese che aveva un debole spiccato e gagliardo per uomini giovani ed aitanti, mentre la stessa Aphra che aveva sicuramente il dono della franchezza (almeno di quella letteraria) faceva rivivere nei suoi versi le sue tante passioni saffiche.

aphra-behn-1

Un talento non comune per la parola scritta e recitata che come ricordò Vita Sackville West trecento anni dopo, ha avuto anche il merito, conquistato sul campo, di essere stata la prima donna della storia a sbarcare il lunario con il frutto delle sue fatiche letterarie.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail