La storia di James Burton Rehnberg, che ha fatto coming out a 90 anni

Poco prima di morire, James Burton Rehnberg ha fatto coming out con suo nipote, gay dichiarato.

Questa è una di quelle storie che fanno riflettere e toccano nel profondo. James Burton Rehnberg a novant’anni ha deciso di fare coming out come gay, dopo aver vissuto per sessantacinque anni con sua moglie. L’occasione per parlare apertamente del suo orientamento sessuale gli è stata fornita da suo nipote Grant, gay dichiarato, che gli mostrava le foto del suo matrimonio con il marito. A quel punto James non ce l’ha più fatta a mantenere il segreto e ha detto tutto al nipote.

James ha raccontato di come ha sempre saputo di essere omosessuale, ma l’ha anche sempre tenuto nascosto; gli ha parlato del suo vero amore, tal Warren Johnson, giovane organista in una chiesa. Ha aperto il suo cuore al nipote e gli ha detto che, se potesse, cambierebbe la propria vita con quella del nipote, visto che ne ammira il coraggio di vivere apertamente la propria vita e di celebrare pubblicamente l’amore per suo marito. Un mese dopo aver fatto coming out, James Burton Rehnberg è morto.

La storia di James Burton Rehnberg, che ha fatto coming out a 90 anni

Ora suo nipote Grant vuole creare un’opera d’arte per commemorare il coraggio del nonno che, onusto di anni, ha guardato in faccia alla realtà. L'idea del progetto - dal nome The Family Connection – è quella di voler fare “un elogio legato alla nostra esperienza parallela come uomini omosessuali e membri della famiglia Rehnberg”. Stando alle parole di Grant, The Family Connection vuole risponde alle seguenti domande:

Come elaboro i miei sentimenti verso un uomo il cui lascito di vergogna religiosa, repressione sessuale e paura di accettarsi ha segnato il mio stesso cammino? Come faccio andare d'accordo la mia esperienza di giovane, privilegiato e apertamente gay con quello che ha vissuto mio nonno?

  • shares
  • Mail